Nuovo Club Forza Italia, 'I consiglieri ex Pdl non si schierano e creano disorientamento agli elettori'

forza italia 05/02/2014 - Non vi è dubbio che a Senigallia, dopo lo scioglimento della Casa delle Libertà, si è creato uno strano vuoto politico e istituzionale circa la rappresentatività del centro/destra cittadino.

Causa la scissione avvenuta tra Berlusconi, sostenitore di una nuova rifondazione di Forza Italia, e il vice premier Angelino Alfano che, con il suo gruppo in dissenso a tale progetto, è stato l’artefice della nascita del movimento Nuovo Centro Destra. A questo vuoto politico venutosi a creare, i consiglieri ex PdL di Senigalia, non hanno ancora deciso da quale parte stare anzi, dalle varie iniziative (vedi sanità) e sporadici articoli sui giornali locali, si firmano, gruppo Partito Popolare Europeo.

Il PPE è inteso come un grande raggruppamento politico a livello europeo, il quale racchiude in esso, come un grosso contenitore, i partiti dichiaratamente moderati e di centro destra, quindi partiti rappresentativi nelle proprie nazioni. Questo silenzio politico da parte dei consiglieri comunali ex PdL secondo noi,lo giudichiamo molto negativo, il loro non volersi ancora deliberatamente decidere a quale schieramento schierarsi, mettono imbarazzo e crea senza dubbio disorientamento agli elettori senigalliesi di centro/destra.

Non sappiamo fino a che punto questo comportameto di “indecisione” e attendismo pericoloso, possa portare loro un giovamento politico. Può sicuramente avere una sua logica politica, aspettare cosa succederà a livello di politica nazionale. Il varo definitivo della nuova legge elettorale e le varie riforme necessarie, e non per ultimo, il risultato che scaturirà alle prossime ed imminenti elezioni eupopee, per poi scegliere dove loro conviene.

Per colmare questo vuoto politico si è riunito un gruppo di lavoro di cittadini, con l’intento di ricostruire la nascita di un nuovo Club Forza Italia a Senigallia. E’ un primo passo importante soprattutto per ottenere una visibilità nelle istituzioni cittadine, prive oggi di una rappresentanza del partito di Forza Italia. Durante la riunione, si è parlato della situazione politica senigalliese, della organizzazione che si vuole dare al Club e, tentare di riportare gli elettori anche quelli delusi o allontanatisi, di nuovo in Forza Italia.

Ci saranno iniziative di vario genere, culturali, politice, sociali capaci di sollevare problemi e dare risposte ai cittadini. Si invitano quindi con forza tutti i cittadini e simpatizzanti qualora interessati a partecipare e dare un loro piccolo o grande contributo. A breve faremo conoscere attraverso Internet, Face Book, Blog e personalmente chi e come contattare il nuovo Club Forza Italia.


da Nuovo Club di Forza Italia
Senigallia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-02-2014 alle 17:27 sul giornale del 06 febbraio 2014 - 2781 letture

In questo articolo si parla di forza italia, politica, senigallia, Popolo delle Libertà, Nuovo Club di Forza Italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/X3W


Quella indicata come motivazione della scissione di Alfano non è completamente vera: la realtà era che si volevano delle innovazioni nel partito, che invece s'è trincerato dietro la figura di Berlusconi.
Nei giornali del tempo era palesemente indicato che la neonata FI voleva dare priorità alla sorte del fondatore (che avrà modo e tempo di difendersi dalle sue accuse) piuttosto che alla sorte di 60 milioni di individui, preferendo irrazionalmente la crisi di governo con la conseguente instabilità in un momento fondamentale per le sorti del Paese e quindi "fregandosene" bellamente delle conseguenze.
Ben venga un circolo di FI, come rappresentanza di uno dei maggiori partiti nazionali: che durerà fintanto che ci sarà il suo "monolitico" fondatore a reggerne le fila.

N.H.ugo mascetti

06 febbraio, 10:04
Sole, la voce semi-ufficiale........
.........del "Mangialardi" salito (molto recentemente-comodamente) sulla cadrega renziana, ci ammannisce il solito verbo:
i guai mondiali-nazionali-locali sono colpa del Berlusca e dei suoi seguaci senigalliesi. Le "brave" opposizioni sono invece quelle che fra un anno ri-porteranno al governo della città e dell'Italia qualche ottimo compagnuccio/a? 610 suddito n.d.

Alessandro Cicconi Massi

06 febbraio, 10:16
un gruppo di volonterosi seppure sotto anonimato vuole costituire un nuovo club Forza Italia a Senigallia!? Ben venga! Non capisco perchè ancor prima di esistere e venire alla luce devono iniziare ad attaccare chi oggi ha deciso di non prendere la loro stessa strada o ha deciso di non schierarsi. Noi abbiamo deciso da che parte stare: dalla parte della nostra città, senza guardare alle nostre carriere di partito. Ed abbiamo deciso da che parte non stare: quella dei partiti politici nazionali che nella gestione di una città non servono a nulla. Lo dico a tutti quelli che vogliono metterci per forza una casacca di partito: noi non la mettiamo! Per Senigallia servono le idee, le persone e i valori....non le bandiere sotto cui nascondersi o le spillette per sentirsi generali...senza esercito!

Spiace leggere commenti di personaggi che fino ad oggi non hanno fatto altro che "ondivagare" fra un gruppo ed un'altro,ora, chiaramente alla finestra in attesa di sapere come penderà la bilancia, poi schierarsi! Svilente dire che a livello locale non servono i partiti nazionali, ma solo un "magna magna" con il potere locale! Bravi ragazzi, non manca molto per le prossime amministrative!

Mi piacerebbe sapere a cosa fa riferimento il sig. Gabbiano51? Di quale ondivagare parla? Ma sopratutto di quale "magna magna"? Dica e parli con chiarezza, voglio sapere i "magna magna", uno per uno...

Commento modificato il 07 febbraio 2014

@Suddito
Se a te piace tanto inserire la gente dentro caselle, mettimi tra i "battitori liberi": perchè dimentichi le volte in cui ho criticato questa e la precedente amministrazione, quando le cose non mi sembravano giuste.