Bullismo a scuola, bambino di 10 anni manda al pronto soccorso la maestra ed una compagna

maestra 07/03/2014 - Brutto episodio alla scuola Leopardi di via Marche. Un bambino di 10 anni morde e picchia una compagna di classe e la maestra mandandole al Pronto Soccorso.

Mercoledì mattina un bambino di quarta elementare avrebbe picchiato una compagna di classe durante la lezione di educazione fisica e morso la maestra. Le due vittime sono state accompagnate al Pronto Soccorso cittadino da dove sono state dimesse con alcuni giorni di prognosi.

Stando alla dichiarazione del padre della giovane vittima, che ha segnalato l'accaduto ai carabinieri, non sarebbe il primo episodio di bullismo perpetrato dal bambino.

La dirigente ha già preso alcuni provvedimenti per garantire a tutti i bimbi sicurezza ed un percorso di studio sereno. Inoltre ha interessato l’Asur per cercare di aiutare il bambino e capire quale sia ilsuo problema dato che, in maniera imprevedibile, presenta comportamenti aggressivi nei confronti di chi si trova di fianco. Questo perchè, tiene a sottolineare la dirigente scolastica, la scuola non vuole nascondere il problema ma non può neanche isolare o espellere il bambino.






Questo è un articolo pubblicato il 07-03-2014 alle 13:52 sul giornale del 08 marzo 2014 - 7405 letture

In questo articolo si parla di cronaca, senigallia, bullismo, maestra, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZyL


La Dirigente si sta comportando bene, cercando per prima cosa di capire la causa di questi "scatti".

Sì, sì, Dan...
Prova solo a pensare che cosa ti avrebbe fatto tua mamma o cosa mi avrebbe fatto mio padre se ci fossimo azzardati a 10 anni a fare una cosa del genere.
Io di sicuro avrei ancora i segni nella carne...

Noctes

Se lasciassi i segni sulla carne, o nell'animo, di tuo figlio Noctes, non mi sorprenderei che avesse reazioni e scatti di rabbia altrove

Guarda, non so tu, ma io mi ricordo bene quello che pensavo a quell'età: e ricordo bene che tante volte avrei voluto rispondere male al maestro o picchiare qualche compagno, ma il pensiero della punizione che si sarebbe abbattuta su di me mi ha sempre tenuto a freno.
Poi uno cresce e capisce da solo come ci si deve comportare, ma da piccoli certi freni inibitori non si hanno e se non ci mettono una pezza i genitori, alcuni bambini sono delle bestie scatenate.
A 6 o 7 anni per uno spintone a un compagno a casa me la sarei cavata con uno sculaccione; ma a 10 anni se ancora non hai imparato a non superare certi limiti, è ora che qualcuno te lo insegni in famiglia, anche a forza di schiaffoni: di tempo per capire il PERCHE' ci si deve comportare civilmente ce ne sarà con l'età. A 10 anni non puoi capire molte regole civili e per frenare gli istinti ci vuole un po' di sano timore delle sberle de babbo e mamma.
Non mi sembra di dire chissà che: chi è cresciuto negli anni '60 e '70 è venuto su con queste regole e non mi pare che siamo diventati tutti dei violenti o dei massacratori di bambini.