Gli ex Pdl a Paradisi: 'Venga ogni tanto in Comune, così potrà rendersi conto del nostro lavoro'

Alessandro Cicconi Massi e Gabriele Cameruccio 3' di lettura 25/03/2014 - Roberto Paradisi chi? Ah sì quel consigliere comunale che pur avendo preso i voti dei suoi concittadini, si è contraddistinto più che altro per le assenze in Consiglio Comunale, partecipando a pochissime sedute di commissione e aula.

Certo che lui non può sapere come in questi anni abbiamo svolto il nostro ruolo di consiglieri comunali partecipando attivamente a tutti i dibattiti su tutte le questioni più importanti della città, dando il nostro contributo e lottando per la tutela dei cittadini.
Roberto Paradisi non lo può sapere, perché non c’era.

Le nostre posizioni, giuste o sbagliate, le abbiamo espresse su tutte le questioni, senza filtri e senza tentennamenti: urbanistica, tasse, ospedale, edilizia, spese legali e lo abbiamo fatto giudicando i problemi e cercando di dare soluzioni.
Siamo stati noi ad aver tappezzato la città di manifesti contro le consulenze e le eccessive spese legali dell’amministrazione comunale ed aver sollevato la questione in Consiglio Comunale, ma Roberto Paradisi non c’era.

Siamo stati noi ad aver sollevato la questione della Tares per i commercianti oppressi da politiche fiscali vessatorie ed aver fatto battaglia contro l’assessore Paci, ma Roberto Paradisi non c’era! Siamo stati noi ad aver riempito la città di manifesti con la faccia del Sindaco Mangialardi sulla questione del rischio chiusura dell’ospedale ed ad aver raccolto centinaia di firme di concittadini per salvare l’ospedale, ma Roberto Paradisi non c’era.

Siamo stati noi ad aver discusso in commissione su tutte le centinaia di osservazioni alle varianti urbanistiche comunali per dare risposte ai cittadini, ma anche stavolta Roberto Paradisi non c’era.
Ed ora quel Roberto Paradisi, si permette di vestire i panni della maestrina salendo in cattedra, dicendoci quello che dovremmo o non dovremmo fare, ritirando fuori dal cassetto delle nostalgie i suoi vecchi e cari cavalli di battaglia, a cui cerca di ridare un po’ di smalto togliendo la polvere dell’oblio: sempre gli stessi del 2005, gli stessi del 2010, gli stessi con i quali Roberto Paradisi ha portato alla sconfitta inesorabile le coalizioni nelle quali ha preso parte come ideologo ed organizzatore.

Palazzo Gherardi, Villa Bucci, l’ex GIL, le consulenze….battaglie importanti, nessuno lo nega, che abbiamo fatto in prima linea, ma il mondo va avanti caro Paradisi, e l’agenda politica purtroppo non la decidi tu con le tue rare uscite sulla stampa, purtroppo ci sono problemi ancor più seri e pressanti da risolvere: la disoccupazione, le tasse inique e vessatorie, l’ospedale a rischio depotenziamento, l’urbanistica dei vincoli e della burocrazia, la razionalizzazione della spesa pubblica eccessiva.

E su questi problemi noi le nostre opinioni e le nostre critiche le abbiamo sempre espresse, ma quando necessario abbiamo votato anche a favore…tutto alla luce del sole…senza paura ed a testa alta.
Ed oggi quelle battaglie che abbiamo sempre fatto in questi 15 anni di attività non le abbandoniamo, anzi le continueremo a portare avanti…ma non crediamo che con noi ci sarà Roberto Paradisi, lui per questo è coerente fino all’ultimo: non c’è mai stato e non ci sarà.


da Alessandro Cicconi Massi e Gabriele Cameruccio
Gruppo consiliare Pdl-Ppe





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2014 alle 15:36 sul giornale del 26 marzo 2014 - 2904 letture

In questo articolo si parla di alessandro cicconi massi, gabriele cameruccio, politica, senigallia, pdl, ppe, Gruppo consiliare Ppe, pdl-ppe

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/1rS


Sì, ma la risposta alla domanda di Paradisi dov'è?

Vitale Vitaliano

25 marzo, 18:42
Sono un elettore, uno dei tanti.
Vorrei sapere, prima di decidere chi votare, se, nel caso se ne configurasse la possibilità, sareste disposti ad un'alleanza con Mangialardi.
Potete non rispondere all'avvocato Paradisi, ma dovete farlo ad un elettore che deve decidere se essere o meno rappresentato da voi.

Finalmente qualcuno che ci spiega il vero valore di certi personaggi.
Diffidare sempre da chi vive di chiacchiera e protagonismo, come si dice in certi casi, "fatti, non pugnette".

Evidentemente la citta' si deve essere distratta perche' del lavoro fatto dai rappresentanti del PdL non si e' accorto nessuno.




logoEV