Forze Armate, Amati (Pd): 'Senza il requisito di altezza meno barriere per i giovani che cercano lavoro'

Silvana Amati 1' di lettura 08/04/2014 - "Con questo ddl si rimuove un ostacolo considerato da molti ragazzi e da molte ragazze un impedimento alla speranza di futuro. La disciplina vigente, per l'accesso ai concorsi per il reclutamento nelle forze armate, nella polizia e nei corpi dei vigili del fuoco, si basa infatti esclusivamente su un dato fisico, quale l'altezza, definendo così in concreto un ostacolo di ordine normativo. E' una discriminazione che non tiene conto della complessità della struttura fisica del soggetto".

Lo dichiara la senatrice del Pd Silvana Amati, relatrice del provvedimento in discussione nell'aula del Senato.

"Oggi, eliminando il limite d'altezza, introduciamo dunque un parametro che tiene in considerazione la più generale idoneità fisica, ed affidiamo ad un regolamento, da approvare in tempi brevi la definizione dei criteri di valutazione della massa metabolicamente attiva dei soggetti interessati al concorso. Questo regolamento - continua Amati - dovrà essere definito su proposta dei Ministri della Difesa, dell'Interno, dell'Economia, delle Finanze, delle Politiche Agricole e Forestali, di concerto con i Ministri delle Pari Opportunità e della Salute, in modo da poter valutare in omogeneità gli aspetti pur diversificati delle varie tipologie di accesso. Lo spirito del ddl - conclude la senatrice democratica - risulta evidentemente dunque quello di rimuovere le limitazioni imposte, eliminando una discriminazione tra giovani uomini e giovani donne, in un momento storico dove le difficoltà per l'occupazione sono tali che non è il caso di porre altre barriere a quelle imposte dalla crisi".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2014 alle 20:13 sul giornale del 09 aprile 2014 - 1839 letture

In questo articolo si parla di silvana amati, politica, forze armate

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2f0


Credo che nelle forze armate fanno comodo per certe attività anche quelli di bassa statura!
Certo che se una operazione di polizia viene condotta da un gruppo di agenti mingherlini penso che i deliquenti si mettono a ridere

Luigi Alberto Weiss

09 aprile, 09:17
La foga dell'iniziativa parlamentare forse ha fatto perdere di vista un particolare e cioè che quello del requisito fisico dell'altezza minima (per inciso, non si tratta dell'unico indispensabile) non è un "capriccio" degli Stati Maggiori, ma semplicemente un fattore necessario a definire altri elementi come. ad esempio, quello del vestiario in dotazione ai militari. Parlare di "discriminazione" appare francamente eccessivo. Comunque la senatrice può stare tranquilla: con i tagli progressivi imposti dal Governo renzista, le Forze Armate diventeranno solo un ricordo (e non si tiri fuori la favola della difesa europea, pretesto affinchè ci pensino gli altri!).

Pablo Utente Vip

09 aprile, 09:04
Nella mia pur breve carriera militare (17 anni interrotti da cose non dipendenti dalla mia e altrui volontà) ho imparato che nelle Forze Armate non ci sono solo addetti alla fotocopiatrice, che se troppo alta anche una sedia potrebbe essere un valido ausilio. Ora non conosco a fondo da dove nasca l'esigenza di avere militari che possano sparire dietro lo zaino (giuro che esistono ancora), ma il nano non è più premier e i limiti di altezza andrebbero lasciati al posto loro. C'era "sciaboletta", per il quale si narra che avessero forgiato una spada corta abbastanza da non lasciare scintille sfregando a terra, ma non penso si soffra oggi di dette sudditanze.

Pablo Utente Vip

09 aprile, 09:52
"Credo che nelle forze armate fanno comodo per certe attività anche quelli di bassa statura!" Quali attività, per esempio? Neanche nei sommergibili.. per dire.