Chiaravalle: inizia l'impresa di Rabboni, da Loreto a Papa Francesco in canoa

Ci vuole coraggio, anzi ci vogliono una determinazione ed una motivazione fortissime anche solo per pensare all’impresa che domattina Roberto Rabboni inizierà da Loreto.

Alle 7 l’arcivescovo Giovanni Tonucci benedirà il chiaravallese e la statuetta della Madonna lauretana che Rabboni porterà con se e così prenderà il via il pellegrinaggio fino al Vaticano di questo straordinario insegnante-allenatore-scrittore di Chiaravalle.

Rabboni percorrerà a piedi il tratto di 6 km fino alla base nautica della Lega Navale di Porto Recanati dove si imbarcherà su una canoa biposto per iniziare il suo lungo viaggio di 1200 miglia nautiche (oltre 2200 km) percorrendo il periplo delle coste a sud dell’Italia e toccando Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Campania e Lazio fino ad arrivare, tempo e mare permettendo, verso la metà di agosto alla base nautica della Lega Navale di Ostia Lido.

Da qui percorrerà di nuovo a piedi i rimanenti 30 km che lo porteranno fino a Piazza San Pietro dove consegnerà la statuetta a Papa Francesco. Durante le varie tappe del viaggio, Roberto raccoglierà scritti o messaggi destinati a Papa Francesco che saranno custoditi in canoa e saranno poi recapitati personalmente al Santo Padre.

Non c’è che dire, l’impresa è di quelle da guinness e da far tremare i polsi ma Roberto Rabboni l’ha studiata nei minimi particolari, l’affronta con il sorriso sulle labbra, lo spirito giusto ed una grande motivazione interiore. “Devo ringraziare tanta gente ma soprattutto mia moglie Catia che mi aiuta in tutto e per tutto ed il grande Corrado Gamberini, il mio angelo del mare, un ex ufficiale delle capitanerie di porto che conosce tutti i segreti del mare e che mi ha già regalato contributi e consigli fondamentali”.

Corrado e Catia hanno dato la spinta in più a Roberto per effettuare un’impresa che non lo vede comunque solo. Tanti amici sono con lui che anche in canoa, di settimana in settimana, sarà accompagnato da persone care e amici veri: Roberto Bulegato, Alessio Santinelli, Tommaso Fenucci, Michele Monteverdi, Lorenzo Moretti, Matteo Freddi, Luca Bramucci, Nikita Bulegato per concludere con Catia Schiaroli, moglie di Rabboni, che sarà al suo fianco all’ingresso in San Pietro, all’incontro col Santo Padre previsto per la metà di agosto.

Rabboni non è nuovo alle imprese compiute a piedi o in canoa, come il record di permanenza in canoa, diverse traversate anche in compagnia di disabili dell’Adriatico, gli 800 km. Nel 2008 del Cammino di Santiago, quelli percorsi nel 2004 da Ancona a San Giovanni Rotondo. Dopo aver scritto tre libri dove si respira la vita, Rabboni parte per una nuova, inebriante, difficile impresa.
Il sogno, come il viaggio, continua.





Questo è un articolo pubblicato sul giornale del 10 giugno 2014 - 5346 letture - 0 commenti

In questo articolo si parla di attualità, chiaravalle, canoa, loreto, gianluca fenucci, papa Francesco, roberto rabboni, articolo

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/5xs

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW

Vuoi commentare questo articolo?


In caso di dati non veritieri o incompleti il commento verrà sconsigliato.