Maltempo, Cicconi Massi: 'Operatori balneari di Senigallia in difficoltà'

lungomare senigallia 29/07/2014 - Le condizioni metereologiche quanto meno bizzarre stanno facendo passare alla ribalta l'estate 2014 come la peggiore di sempre.

L'ennesimo fine settimana rovinato dal cattivo tempo con previsioni non incoraggianti cominciano a farsi sentire in termini economici tanto che Oasi Confartigianato Senigallia a nome di tutti gli Operatori Balneari Senigalliesi si sta facendo portavoce di alcune richieste fra cui quella di posticipare la Tasi e l'Imu ma soprattutto di richiedere al Comune di Senigallia una deroga per non smontare le strutture verticali durante la stagione invernale.

"Sono un paio di richieste che ci arrivano dagli Operatori e per le quali chiediamo al nostro Comune un grande senso di responsabilità e di vicinanza. Sappiamo infatti - dichiara Giacomo Cicconi Massi, Responsabile del Sindacato Balneare O.A.S.I. Confartigianato - che il Piano degli Arenili non permette il mantenimento delle strutture verticali quali pali della pallavolo, giochi, capanni, gazebo ecc. salvo incorrere in pesanti sanzioni amministrative e penali, ma la situazione è drammatica.

Poterli mantenere in piedi con un'apposita deroga valevole solo per la stagione 2014-2015 visto e considerato che il canone demaniale si paga, dal 2013, per tutto l’anno, equivarrebbe a lasciare non solo liquidità importante nelle tasche degli Operatori ma anche a proporre un’offerta più ampia in termini di destagionalizzazione turistica. Il timore più che fondato è che gli operatori, in prossimità delle scadenze di agosto e di settembre (contributi previdenziali, tributi e canone demaniale) potrebbero non farcela e questo comporterebbe un danno al nostro turismo di proporzioni enormi. Chiediamo perciò uno sforzo a "costo zero" alla nostra Amministrazione - conclude Cicconi Massi - in un momento di grandissima difficoltà.”

Per la Tasi e l'Imu Oasi Confartigianato auspica un posticipo rispetto alle scadenze di ottobre e di dicembre.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-07-2014 alle 13:29 sul giornale del 30 luglio 2014 - 3531 letture

In questo articolo si parla di attualità, lavoro, confartigianato, commercio, maltempo, senigallia, impresa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7Tt


Costo zero?
Salvo poi, come e' successo qualche anno fa', chiedere i danni se qualche mareggiata porta via le strutture...
Ma il mare chi d'inverno fa' una passeggiata ce lo fate ancora vedere?
Grazie

...nella speranza poi che l'estate torni a fare capolino e che resti fino ad ottobre: qualche anno fa lo fece.

gasparinocarbonaro

30 luglio, 09:46
Commento sconsigliato, leggilo comunque

La spiaggia è DEMANIO marittimo.

Il che significa che è proprietà dello stato italiano a disposizione di tutti.

Se volete mantenere le strutture in inverno nessun problema; pagate la concessione anche per i mesi invernali.

Piove non vi va bene, fa le mareggiate non vi va bene, fanno le multe ai camioncini che parcheggiano sulla pista ciclabile non vi va bene, la musica a toni pià bassi rispetto ad una sirena dell'ambulanza non vi va bene.

Sarete viziati o no?

pepito sbazzeguti

30 luglio, 23:03
Commento sconsigliato, leggilo comunque