Tempo di vacanze e relax, una sorpresa per i lettori da leggere sotto l'ombrellone

4' di lettura 11/08/2014 - Siamo appena entrati nella settimana più calda dell'anno. Le temperature sono finalmente salite, tornando nella normalità della stagione estiva.

Per questo la redazione di Vivere Jesi ha deciso di aggiornare la rubrica Jesi in rima con un nuovo contenuto: brevi racconti da gustare sotto l'ombrellone, in vacanza, o semplicemente in un momento di relax casalingo.

Chi meglio di lei, la poetessa Marinella Cimarelli, avrebbe potuto inventarsi questi spaccati di vita quotidiana? Ecco la prima di una breve serie di scenette che accompagnerà i lettori in questo periodo di ferie.
Si intitola 'Na cena jesina', protagonista una famiglia composta da un figlio che ha un divertente dialogo con i genitori, in procinto di sedersi a tavola.



Figlio: “Mamma que c'è da cena stasera?”

Madre: “Le còsce de maddalena...l'hì ntésa mai questa? La dicéa mì nonna..sci vòi te la spiego mèjo!”

Figlio: “Non farai la frittàda n'àntra òlta no? Io me sò stufàdo...”
Madre: “E io me sò stufàda de vuàltri! Magni quàlche c'è, eppò ormai ho preparàdo”

Figlio: “E io non màgno....”
Madre: “E allora vài a dormì senza cena.....”

Figlio: “Uffaaaa....ma postà che non te ne và de preparà mai niè? La madre de Paolo cucina sempre la ròbba bòna, io vò a magnà là da loro...”
Madre: “Te magni chì casa tua sfacciàdo!”

Figlio: “Babbooooo....mamma non vòle preparà da cenaaaaa...”
Padre: “Non jé dà retta Costà, è lù che non se sà quàlche vòle, non se contenta mai!

Il padre rivolgendosi alla moglie: "Però c'ha pure ragiò, non magneremo l'òvi pure stasera?”

Madre: “E que voléi le bragiòle? Quelle costa care!”
Padre: “Ma ogni tanto se podrìa pure fà pé cambià”

Madre: “Allora damme i soldi càppisciò!”
Padre: “Te l'ho dàtti stamadìna, non t'è bastàdi, que c'hai fatto?”

Madre: “Figuràde, 50 euro, màngo l'ho visti, ho pagàdo 'l calzolàro, la lavanderia, 'l conto de la sarta..E' finìdi, non m'è rmàsto 'n centè màngo pé piagne le làgrime dell'occhi...”
Padre: “Fadìgo solo io nté stà casa, me sbudello dà la madìna à la sera, que ho da fà de più?”
Madre: “E io allora? Ve pare nà sciapàda a mannà avanti nà famija, la casa, le faccènne, l'orto, 'l giardì.....e mìga sò 'n trattore sà? Sò 'n cristià! Piuttosto è ora che tù fijo và a fadigà, tanto non studia, è 'n somaro e perde solo tempo, ce pija péi fondelli a tutti quanti!”
Padre si rivolge allora al filgio: “Lucianooooo....hai ntéso qu'ha dìtto mamméda? E' ora che vai a fadigà!”

Figlio: “Hì dìtto a me babbo? Stavo a sentì la musiga, c'avéo le cuffie nté le récchie...queeee?”
Padre: “Scì, scì...te fà sempre finta de non sentì quànno non te fà còmmodo eh, me raccomànno! Domà te fò vedé io, te porto giù l'Officina de Fiezza Bianga, c'ha bisogno de nà mà pé ggiustà i motorini, è ora che te mòi....”

Figlio: “Ce posso pure gì...ma quanto me paga?”
Padre: “Già parli de guadrì te? Prima pensa a mparà 'n mestiere piuttosto...non fì niè tutto 'l giorno, te rimbecillìsci sci vai avanti cucì!”

Figlio: “Sò stracco, non jé la fò...”
Padre: “Però pé gì a ballà jé la fai, comm'è ssà storia?”
Figlio: “Que vol dì? Però sò stracco...”

Padre: “Domà, domà ce penso io, adé te metto la svéja à le sei...fà che ssì pronto pé le sette scinnò bbùschi! Anzi, scinnò 'l digo a mamméda che ce pensa lìa!”
Madre: “Que m'éde da dì vuàltri? Guardàde che ho ntèso nigò...ho capìdo sapé, sci non penso a tutto io nté stà casa le cose non và avanti...ma postà! Adè, adè....domà ce 'l porto io giù da Fiezza Bianga, vedrai 'l Signorino...ha finìdo de fà la bella vita! E giusto giusto ch'ha da stà in panciòlle dà la madìna à la sera ssò sciamannàdo...Domà me metto i panni de le feste!!!”

Padre: “Mariòla adè scì non è proprio domà è uguale no? Spettàmo quàlche giorno, s'ha d'abituà...”
Madre: “Ardèccolo che dà sempre ragiò al fijo, ma que m'avrà dìtto la testa 'l giorno che me sò sposàda?”


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 11-08-2014 alle 23:39 sul giornale del 12 agosto 2014 - 2183 letture

In questo articolo si parla di cultura, jesi, poesie, cristina carnevali, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/8tC

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV