<| /yobee 2>

Una lettura sotto l'ombrellone, prosegue la scenetta familiare: 'La madina presto'

2' di lettura 13/08/2014 - Prosegue la vicenda familiare iniziata due giorni fa, una storiella ideata da Marinella Cimarelli, per una simaptica lettura da fare sotto l'ombrellone. Il dialogo che segue è un botta e risposta tra madre e figlio, dopo la prima uscita 'Na cena jesina', ecco 'La madina presto'.




M: Alzàde sfadigàdo...camìna ch'è ora!

F: Mamma stà zitta che me svéji, vòjo dormì..

M: Ma qué zitta e zitta, la madìna bisogna svéjasse presto....

F: Ma ch'ora è? Que sài scema? Io vojo dormì n'àntro pezzetto!

M: Non se stà sul letto fino a mezzogiorno, alzàde poltrò, capìdo?

F: Io non c'ho da fà niente oggi, dormo quanto me pare e piace, eppò la scòla è finìda, te ce metti pure te adè?

M: Tù padre è svéjo da 'n pezzo carino mià...!

F: Ma lù c'ha da gì a fadigà...io no...miga è colpa mia!

M: Lù và a fadigà pé sfamà le bocche come le tua, camìna alzàde su...

F: Ecco, adè m'hai svejàdo, visto? Non gliela fò più a dormì ...sì contenta adè?

M: Vestéde che te porto giù da Fiezza Biangà, te tròa da fadigà quello, camìna..

F: Que m'ho da mette?

M: I vestìdi ciàci, quelli pé fadigà...non te vestì bembè che te ungi tutto, dopo me tocca a lavàlli

F: Non c'ho niè de ciàcio...ndò stà la ròbba?

M: Cerchéla camìna, non me fà venì òltre che te meno, spicciàde!

F: Me sbrìgo..me sbrìgo...non urlà che te sento lo stesso...non posso sopportà la voce alta a prima madìna...

M: Pòro cocco lù non pò sentì a discore de prima madìna, guarda che non me fai pena proprio per niè, cominci a st'ora?..sentirai pé mezzogiorno che sòlfa...vedrai che te se pàssa.... pé quéla òlta te sì svejàdo....

F: Ma sto Fiezza Bianga com'è, bòno o tristo?

M: E' svejabambòzzi...quàlche ce vòle per te!

F: Aggià me dòle la testa a me...

M: Pija nà compressa scì te dòle la testa..e non te lamentà e non troà le scuse, che a me non me fai pena sà?

F: Perchè sì trista, ma tanto scàppo de casa 'n giorno o n'àntro..cucì te ccòrgi...vedrai come te penti dopo..

M: Scàppa scàppa...vedrai come artòrni bello mìa...sotta chì non c'ha pioùdo mai...ricordéde che io sò stàda prima vì che acèdo!


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 13-08-2014 alle 23:17 sul giornale del 14 agosto 2014 - 1922 letture

In questo articolo si parla di cultura, jesi, ferie, poesie, cristina carnevali, articolo, scenetta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/8yJ

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV