Corinaldo: scavi a Madonna del Piano, scoperti una piscina ed un edificio dell’età Repubblicana

14/08/2014 - Prosegue con successo la campagna di scavi archeologici presso i luoghi di Santa Maria in Portuno a Madonna del Piano di Corinaldo, che vede impegnati studiosi e ricercatori dell’Università di Bologna. Ben 10 ragazzi, sotto la guida del professor Lepore ed ospiti del Comune di Corinaldo, stanno infatti portando avanti una serie di studi e ricerche sul campo con notevoli risultati e scoperte.

La campagna scavi infatti si inserisce nell’orami noto quadro archeologico di Santa Maria in Portuno che, negli ultimi anni ha portato a delle scoperte di assoluto riguardo. Le nuove ricerche ora si stanno concentrando più a nord, in una zona più vicina al Fiume Cesano. I ricercatori stanno infatti lavorando su un terreno che presenta dei reperti archeologici molto importanti. Dopo una serie di valutazioni archeologiche preventive, gli scavi si sono concentrati su una porzione di terreno specifica, prevista inizialmente per l’estrazione di ghiaia ma ora preservata.

Gli scavi hanno subito evidenziato e riportato alla luce una strada glareata che, con tutta probabilità collega la chiesa e il guado. Ma la scoperta, recentissima e sicuramente più interessante, è stata quella di una struttura dell’età Repubblicana realizzata con sistemi impermeabili. Forse una vasca o una piscina che hanno indotto i ricercatori ad abbandonare l’idea di una villa rustica, prevista inizialmente, e ipotizzare un edificio ancora più importante.

“Siamo di fronte ad un sito archeologico di assoluto interesse ed importanza -spiega il professor Lepore, coordinatore del progetto-. Grazie ai lavori di archeologia preventiva abbiamo individuato questo luogo. Il Consorzio Cavatori e in particolar modo il Presidente Antonio Mariotti hanno stralciato questo specifico tratto dai loro progetti di estrazione dandoci quindi la possibilità di lavorare e fare queste importanti scoperte. Un grazie va all’Amministrazione Comunale che ospita, con vitto ed alloggio, i nostri ricercatori e che dimostra di sostenere e credere in questo progetto.” I ricercatori alloggiano presso l’ex casa del custode del cimitero, gli scavi si fermeranno per alcuni giorni il 15 agosto per poi riprendere il 25 agosto fino al 5 settembre.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-08-2014 alle 11:31 sul giornale del 16 agosto 2014 - 2679 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di corinaldo, corinaldo e piace a Daniele_Sole pilviman eneabartolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/8zl


Mi fa sempre piacere quando qualcosa del nostro passato riemerge per farci vedere come eravamo.
E cosa eravamo