Alluvione, conclusa la ricognizione: danni per quasi 100 milioni di euro

11/09/2014 - Ammontano complessivamente a quasi 100 milioni di euro (99 milioni e 355 mila euro nello specifico) i danni autocertificati da cittadini ed imprese a seguito dell'alluvione dello scorso 3 maggio.

E' questo il quadro evidenziato dalle 7097 schede trasmesse al Comune di Senigallia a seguito dell’ordinanza del dipartimento della Protezione Civile che venerdì 12 settembre saranno trasmesse al Dipartimento della Protezione Civile della Regione Marche per l'avvio delle procedure finalizzate al risarcimento.

Si tratta di un passaggio decisivo per voltare definitivamente pagina sui tragici eventi di maggio, nei quali dobbiamo ricordare, prima che danni materiali, abbiamo registrato purtroppo vittime”– osserva il sindaco Maurizio Mangialardi, che a 4 mesi dall'alluvione ha inviato una lettera a tutte le famiglie colpite dalla calamità per ribadire la propria vicinanza e per condividere quelle che ritiene essere importanti considerazioni.

Infatti il primo cittadino, sottolineando la lucidità con la quale è stata gestita l'emergenza e ringraziando tutti coloro che, in qualche modo, hanno contribuito alla ripartenza di Senigallia (Protezione Civile, Vigili del Fuoco, struttura e personale comunale, Carabinieri, Polizia di Stato, Reparto Mobile, Polizia Stradale, Guardia di Finanza e Nucleo Sommozzatori, Corpo Forestale dello Stato, Croce Rossa, Asur, ditte incaricate, Società Autostrade, Caritas, volontari, privati, Cna, associazioni sportive e cittadine, scout, banche ed università ma anche cittadini e sportivi di comuni limitrofi e di tutta Italia), ribadisce che “si è trattato di un evento calamitoso di eccezionale portata verificatosi con modalità imprevedibili ed anomale che lo hanno reso incontrollato e incontrollabile. Pertanto, confermando che non ho mai ricevuto nessuna telefonata dall'ex sindaco di Ostra Massimo Olivetti, meglio di così non potevamo fare”.

Terminata quindi la ricognizione dalla quale si evince che i danni maggiori hanno interessato le abitazioni (4835 segnalazioni, per un totale di oltre 44 milioni di euro, delle quali 2683 pari a 31 milioni e 187 mila riguardano prevalentemente arredi ed elettrodomestici mentre le restanti 2152 pari a 12 milioni e 839 mila euro si riferiscono ai mezzi), a cui vanno aggiunti i 26 milioni e 518 mila euro delle 1929 schede dei danneggiamenti al patrimonio edilizio privati ed i 20 milioni 678 mila euro- suddivisi in 7 milioni e 572 mila euro relativi ai beni immobili, 8 milioni e 310 mila euro per i beni mobili (macchinari, attrezzature, arredi, ecc.) e 4 milioni e 796 mila euro per le scorte, semilavorati, lavori finiti) delle 333 schede per quanto concerne le aziende ed attività commerciali, l'impegno dell'Amministrazione è quello di far sì che gli stanziamenti finalizzati al risarcimento vengano inseriti dal Governo nella Legge di stabilità che verrà predisposta ad ottobre.

A tal proposito- dichiara il sindaco- ci attiveremo nei confronti della Regione Marche e dei nostri parlamentari affinché vengano riconosciute a Senigallia, in tempi brevi e certi, le giuste risorse”.

Intanto si è costituito il gruppo di lavoro, a cui oltre il Comune di Senigallia prenderanno parte l’Autorità regionale di bacino, la Provincia di Ancona e i Comuni di Corinaldo, Ostra, Ostra Vetere e Trecastelli, per l'assetto di progetto riguardante la media e bassa valle del Misa.

Va ricordato che la manutenzione del fiume non è di competenza dei comuni però- conclude- è necessario costituire un gruppo che vegli costantemente sulla vallata perché gli effetti di una eventuale cattiva manutenzione del tratto fluviale ricadono sul territorio comunale”.

La Provincia di Ancona ha già approvato il progetto esecutivo per le opere di manutenzione del fiume Misa che prevede interventi di pulizia della vegetazione e di consolidamento delle difese spondali (760 mila euro). A questi vanno inoltre aggiunti 2,4 milioni di euro per la realizzazione delle vasche di espansione ed altri 2 milioni per la manutenzione idraulica stanziati dalla Regione nell'atto di interventi formalizzato con il Comune di Senigallia lo scorso luglio.








Questo è un articolo pubblicato il 11-09-2014 alle 15:42 sul giornale del 12 settembre 2014 - 2678 letture

In questo articolo si parla di attualità, alluvione, senigallia, Sudani Alice Scarpini, articolo, ricognizione dei danni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/9Bh


Non ho ancora capito perchè ogni volta che tratta l'alluvione, il Sindaco ribadisce sempre le stesse cose. Sembra un disco rotto.
Leonardo Maria Conti

E' in campagna elettorale e deve apparire bello come il sole...

Antonio Carletti

12 settembre, 07:42
A cosa servono tutte queste schede? Ad accendere un bel falò ? Molti alluvionati, compreso il sottoscritto, non l'hanno presentata, vista la completa inutilità in quanto ne regione , ne governo , scuciranno mai un euro ! Perciò cari concittadini ,se volete riparare le vostre abitazioni, mettete mano al portafogli e scordatevi i contributi!
P.S. Nel frattempo iniziate a mettere da parte qualche euro per la prossima pioggia consistente perché potrebbero servirci
per riparare i danni della prossima alluvione, visto che tanto rimarrà tutto come prima ( ovvero fogne,tombini ,argine
del fiume e quant'altro )

goffredo

12 settembre, 09:11
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 12 settembre 2014

Addirittura 100 milioni?!?!?
La cosa che mi preoccupa e' che di quella cifra chissa' realmente quanto Senigallia ricevera', tenuto conto che poi una parte va a coprire le spese sostenute per fare fronte all'emergenza e quelle per la messa in sicurezza (definitiva?) dell'alveo fluviale.

Mi preoccupa soprattutto perche' il Paese in crisi e con ristrettezze di bilancio paga in questo modo anni di mancate manutenzioni proprio per cercare di sanare la condizione economica, e ogni volta che piove succede un disastro (Gargano, zona milanese, etc..): e pensare che una stupida analisi costi-benefici rende evidente quanto meno costi manutenere rispetto a sistemare i cocci...
Come in un certo senso scrive Goffredo prima di me.