Il Ministro Galletti torna in città, un convegno sul rischio idrogeologico

Ministro Galletti 18/09/2014 - A quattro mesi dalla sua prima visita, all'indomani dell'alluvione, torna in città anche il Ministro all'Ambiente Gian Luca Galletti. L'occasione è quella di un convegno ma il tema è sempre legato all'alluvione e al rischio idrogeologico.

Nell'ambito delle iniziative legate alla Settimana del Pianeta Terra, in programma dal 12 al 19 ottobre, Senigallia ospiterà alla Rotonda, venerdì 17 dalle 9 alle 17, il convegno su “I rischi geologici nella Regione Marche e le direttive dell'Unione europea”. Per l'evento ha già dato la sua disponibilità ad intervenire il ministro Galletti che dovrebbe portare il suo contributo al convegno che si pone l'obiettivo di approfondire il tema della prevenzione del rischio idrogeologico attraverso la pianificazione di bacino idrografico.

Finalità raggiungibili attraverso la conoscenza del territorio e dei fenomeni in atto con la cartografia geologica e geomorfologica, il Piano di Assetto Idrogeologico della Regione Marche e il Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni che prevede la direttiva europea 2007/60/CE. Saranno analizzate anche le attività e le azioni utili alla prevenzione che possono essere attivate e cioé la manutenzione costante e continua del territorio, gli interventi strutturali, le previsioni meteo e il sistema di allertamento.

Proprio lo stesso Galletti, quattro mesi fa, aveva promesso il finanziamento immediato di una parte dell'accordo di programma, sottoscritto tra Regione e Ministero dell'Ambiente, che tra le altre cose consentirebbe lo sblocco dei due milioni di euro necessari per la realizzazione delle vasche di espansione per il fiume Misa.






Questo è un articolo pubblicato il 18-09-2014 alle 11:09 sul giornale del 19 settembre 2014 - 2573 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, articolo, ministro galletti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/9Tf


Se poi il ministro riuscisse a presentarsi con i fondi per la messa in sicurezza del territorio (visto che siamo quasi ad ottobre e si prevede uno dei peggiori mesi di gennaio da anni), penso che nessuno sarebbe rattristato.