Mangialardi a La 7: "Il Parlamento acceleri sull'approvazione della legge sul consumo del suolo"

15/10/2014 - “Come sindaco di una realtà gravemente colpita da un’alluvione costata ben tre morti e milioni di euro di danni, mi sento particolarmente vicino ai cittadini di Genova e al collega Marco Doria, al quale esprimo tutta la mia solidarietà. Credo sia necessario che il Parlamento italiano acceleri sulla approvazione della legge sul consumo del suolo per dare ai Comuni riferimenti legislativi chiari e trasparenti su cui muoversi. Comuni che, come nel nostro caso, stanno già procedendo con coraggio alla revisione dei piani regolatori per ridurre le aree fabbricabili”.

Così il sindaco Maurizio Mangialardi, intervenendo come ospite a “L’aria che tira”, il talk show televisivo di La 7 condotto da Myrta Merlino, nella puntata dedicata al dissesto idrogeologico.

Mangialardi ha poi ricordato la tragica alluvione che ha colpito Senigallia e il grande impegno dei volontari per soccorrere la popolazione e ripulire la città da fango e rifiuti: “Anche a Senigallia, a fianco delle istituzioni che hanno funzionato, abbiamo potuto contare sul generoso impegno e il senso civico di tanti cittadini e della Caritas che, oltre a prestare i primi soccorsi alla popolazione, hanno contribuito a ripulire la città da oltre mille tonnellate di rifiuti in appena dieci giorni”.

Sollecitato anche rispetto alle polemiche di questi giorni sull’assenza delle istituzioni a Genova, il sindaco ha risposto: “Noi abbiamo sentito forte la presenza dello Stato: da parte del primo ministro Matteo Renzi e dei ministri Martina e Galletti, giunti immediatamente a Senigallia, non abbiamo assistito a passerelle, ma all’assunzione di impegni concreti e in parte già mantenuti con lo stanziamento di 5 milioni di euro per coprire le spese sostenute dal Comune”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-10-2014 alle 16:15 sul giornale del 16 ottobre 2014 - 3050 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, maurizio mangialardi, politica, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/08e


Ma a quel tempo non era venuta pure la Ministra Lorenzin il 10 mmaggio?
E già, la coerenza politica prima di tutto!!!
Leonardo Maria Conti

A onor del vero va detto che la Lorenzin venne nelle Marche per il tour elettorale a sostegno della lista Ncd-Udc e della candidata marchigiana Claudia Domizio.Poi passò anche per Senigallia ma, che mi risulti, senza alcun concreto impegno.

N.H.m.u.

15 ottobre, 22:33
Commento sconsigliato, leggilo comunque

La lorenzin ha detto, cito a memoria: "Purtroppo non ho le scarpe adatte."

Prescindendo.

Il consumo del suolo (per i comuni mortali asfalto e cemento) dipendono dai PRG che, in italia, vengono redatti dalle amministrazioni comunali e vengono poi convalidati dalle province.

Non serve nessuna legge particolare, quanto un impegno intelligente da parte degli amministratori locali.

Non è colpa del parlamento se un'amministrazione comunale ritiene di dover lottizzare aree golenali con dei capannoni, costruire delle strade essenzialmente superflue o altro.

La colpa è delle singole amministrazioni.

Facile parlare di leggi che stabiliscano o vietino quando, come una pallina da ping-pong impazzita, si costruisce e si asfalta ogni ettaro potenzialmente disponibile.....

Sono lacrime di coccodrillo.

Senigallia è una delle città dove il consumo di suolo è stato ed è tuttora più intenso.

Mangialardi ne è stato parte, prima come assessore e poi come sindaco.

E ora vuole una legge sul comsumo di suolo?

Sono veramente senza parole!!

Luigi Alberto Weiss

16 ottobre, 16:43
Amico Brenno, che ci vuoi fare, quelli dell'ex PD ormai sono così: dicono tutto e il contrario di tutto. Come un certo signore di Arcore che smentiva anche le registrazioni di se stesso in televisione (comprese le sue!)

Una regolamentazione nazionale che faciliti il riuso serve: la perequazione urbanistica, che è una procedura urbanistica innovativa che va in questa direzione, viene ostacolata e resa di difficile realizzazione a livello locale perchè ancora su sovrappongono leggi fin dal 1942.