Lo Iom riceve un'auto, donazione da istituto di credito

La donazione allo Iom di una nuova auto 25/05/2016 - Si è tenuta il 25 maggio presso la sede comunale di Jesi la cerimonia di consegna dell'automezzo che l’Associazione IOM Onlus ha acquistato con il contributo di Unicredit.

L'intervento di UniCredit è stato realizzato grazie ai fondi raccolti nel 2015 da UniCreditCard Flexia Carta Etica, la carta di credito flessibile che, senza alcun costo aggiuntivo per il cliente, permette di contribuire a iniziative solidali ad ogni utilizzo. Grazie al suo particolare meccanismo, una percentuale di ogni spesa effettuata con la carta va ad alimentare un fondo di beneficienza, il Fondo Carta Etica, che in oltre dieci anni ha permesso ad UniCredit di sostenere oltre 400 iniziative benefiche per un totale di 14 milioni di Euro.

La donazione ha contribuito all'acquisto di una vettura Panda 4 x 4 che potrà garantire alla Associazione IOM Onlus la continuità dell’assistenza ai malati oncologici anche in condizioni metereologiche particolarmente critiche ed in zone collinari e montane. Alla cerimonia erano presenti il Vice Presidente della Associazione Maria Luisa Quaglieri, l’assessore alle politiche sociali del Comune di Jesi, Marisa Campanelli, il capo Area Marche di UniCredit, Luigi Rigli e il Capo Distretto di Jesi, Silvia Bernardi.

“In un momento di situazione economica difficile – spiega il vicepresidente della Associazione IOM Onlus, Maria Luisa Quaglieri – in cui anche le associazioni che operano nel terzo settore hanno difficoltà nel reperire fondi, beneficiare di un contributo per l'acquisto di un'autovettura destinata ai servizi di assistenza e di sollievo per i malati, è una circostanza particolarmente significativa di valore aggiunto che contribuisce da un lato a dare risposta concreta ai bisogni della comunità della Vallesina, dall'altro è un segnale di vicinanza a chi ha bisogno in momenti difficili”.

«Da dieci anni i nostri clienti, utilizzando Carta Etica hanno contribuito a supportare progetti di utilità sociale in tutta Italia per oltre 14 milioni di euro. – ha ricordato Luigi Rigli, di UniCredit – Grazie ai fondi messi a disposizione da UniCredit Card Flexia Carta Etica, possiamo individuare alcune tra le tematiche sociali più urgenti a cui destinare i fondi raccolti. Credo che la nostra vicinanza all'attività dell’Istituto Oncologico Marchigiano confermi l’attenzione del nostro Gruppo alle esigenze delle fasce della popolazione più deboli e costituisca una concreta risposta alle esigenze del territorio».







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-05-2016 alle 15:11 sul giornale del 26 maggio 2016 - 3774 letture

In questo articolo si parla di attualità, UniCredit Group

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axj7