Ciclismo: è uno Scarponi da impazzire alla Vuelta di Spagna

02/09/2016 - Dopo un Giro d'Italia epico (dove è stato fondamentale per la vittoria finale del compagno Nibali) il ciclista filottranese sta tenedo alta la bandiera italiana nella corsa a tappe spagnola.

'Cercheremo di far classifica con il colombiano Lopez che quest'anno ha già vinto il Giro di Svizzera, io cercherò di aiutarlo e se possibile di togliermi qualche soddisfazione' queste le parole di Michele Scarponi alla vigilia della Vuelta a Espana 2016, parole che  la strada hanno stravolto nel giro di poche tappe perchè il capitano designato dell'Astana è stato vittima di una caduta che l'ha fatto rimbalzare lontano dalle posizioni di vertice della classifica ed allora tutto il peso della squadra Kazaka è ricaduto sullo scalatore marchigiano.

Il 37enne filottranese forte di una buona condizione fisica non si è tirato di certo indietro e dopo 13 tappe si ritrova all'ottavo posto della classifica generale, dopo essersi messo in evidenza nelle prime tappe di alta montagna, tenedo il passo dei big della corsa. Attenzione: per big intendiamo i migliori ciclisti di corse a tappe del mondo, i vari Quintana, Froome, Valverde, Contador, Chavez e chi più ne ha più ne metta... perchè la Vuelta di quest'anno, per qualità degli iscritti, assomiglia molto ad un Tour de France ma con il tracciato più duro. Il gota del ciclismo mondiale quindi e Michele se la sta lottando ad armi pari con questi mostri sacri che a differenza del filottranese possono vantare una carta d'identità 'molto più leggera' nel taschino della divisa da gara.

Michele come sempre ha raccolto la sfida con gambe e cuore da campione e siamo sicuri che nell'ultima settimana di bagarre riuscirà ad essere caparbio come non mai per regalarsi l'ennesima soddisfazione di una carriera fantastica. In fondo le 37 primavere nell'ultima settimana di una grande corsa a tappe possono rivelarsi un arma a favore, perchè in gruppo con l'esperienza ed il fondo di Scarponi pedalano in pochi.

Se poi i tifosi vogliono sognare in grande possiamo ricordare che il podio ad oggi è distante poco più di 2 minuti...non un distacco incolmabile insomma. Alle strade spagnole il verdetto, intanto, forza Michele!!!


di Marco Strappini
redazione@viverejesi.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 02-09-2016 alle 12:10 sul giornale del 03 settembre 2016 - 17190 letture

In questo articolo si parla di sport, filottrano, marco strappini, michele scarponi, articolo, vuelta di spagna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aALI





logoEV