S. Maria Nuova: carabinieri bloccano autobus, arrestato ladro seriale

Carabinieri 17/09/2016 - Sono stati i Carabinieri della locale Stazione, agli ordini del Maresciallo Carlo DI PRIMIO, ad individuare e a trarre in arresto a Santa Maria Nuova un ricercato su cui pendeva una condanna di 3 e mezzo per una serie di furti in appartamento e spaccio di droga.

Venerdì mattina, nell’ambito di mirati servizi predisposti dalla Compagnia Carabinieri di Jesi tesi al contrasto di forme di illegalità, il comandante della Stazione ha notato un ragazzo con un cappuccio dalla carnagione scura, che si comportava in modo sospetto. Oltre a nascondere il viso col cappuccio è salito di fretta sul primo autobus, diretto a Jesi.

Un comportamento sospetto, che ha spinto i militari a seguire l’autobus a distanza fino a Jesi. Nel frattempo altre pattuglie erano già appostate al capolinea. Una volta fermo, i carabinieri hanno bloccato le uscite dell'autobus e fatto scendere l’individuo sospetto.

Portato in caserma, poiché senza documenti, gli sono state rilevate le impronte digitali ed immesse nel sistema automatico di identificazione.

Dopo pochi minuti il sistema ha svelato la sua identità e confermato i sospetti dei carabinieri: il giovane nord africano con cittadinanza italiana, è un 23enne, domiciliato a Porto Recanati, sul quale pende un ordine di cattura emesso dalla Procura della Repubblica di Ancona per una pena definitiva a 3 anni e 5 mesi per una serie di furti in appartamento e spaccio di droga commessi tra il 2014 ed il 2015.

Accertata l’identità, dopo la notifica del provvedimento, il giovane è stato condotto presso il carcere di Montacuto, dove sconterà la pena inflittagli.

Ora i militari di Santa Maria Nuova stanno approfondendo le indagini per verificare una sua eventuale responsabilità di alcuni furti commessi proprio in quel centro durante la presenza del ricercato.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 17-09-2016 alle 08:26 sul giornale del 19 settembre 2016 - 1453 letture

In questo articolo si parla di cronaca, jesi, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBim