Successo Dream Day, la sfida di Selena trionfa ancora

Dream Day 2016 18/09/2016 - Stop alle barriere tra disabili e normodotati, questa la grande sfida di Selena Abatelli, che ad ogni edizione del Dream Day aggiunge un mattoncino al progetto nato 5 anni fa e che ha visto come primi risultati l'installazione di due altalene per disabili, un canestro magico per giocare a basking.


Due parchi per disabili, un record che il comune di Jesi detiene grazie all'iniziativa del Dream Day: "Siamo la prima città in tutta italia ad avere 2 parchi misti. Dicono che il mio entusiasmo sia contagioso… spero davvero che continui ad essere così per poter realizzare ogni anno qualcosa di veramente concreto per chi è stato semplicemente più sfortunato di noi, per chi sogna e lotta per raggiungere una “normalità” troppo spesso data per scontata, ma che può arricchire noi, a volte superficiali ed indifferenti… Lo slogan di quest’anno era appunto “un’indifferenza che non lascia indifferenti”.

Per il quarto anno di fila Selena rilancia con un nuovo progetto: un'altalena che possa essere utilizzata sia da un disabile sia da un normodotato, che possono salire e divertirsi insieme.
Domenica 18 settembre, ai giardini pubblici di viale Cavallotti, è andato in scena il Dream Day 2016. La prima novità è la presenza di un palco, con la pedana per l'accesso ai disabili donata da TM Pedane. 

In tantissimi hanno sfidato i capricci del tempo, per incontrare personaggi come Bruno Arena dei Fichi D'India, Manuela Migliaccio, detentrice del record di 15 chilometri percorsi con l'esoscheletro, Mia & Mo, e tutti coloro che sono stati contagiati dalla carica positiva di Selena, aggiungendosi alla lunga lista di collaboratori e sostenitori del Dream Day.

La Migliaccio ha raccontato la sfida: "Dopo 15 anni sulla sedia a rotelle, ero stanca, ho deciso di provare e ci sono riuscita". Ora ha aperto un bar ristorante al centro di Bologna, dove lavorano persone con varie disabilità. Oltre all'attività di bar, che gestisce direttamente da un bancone creato a misura di disabile, organizzano eventi culturali apprezzatissimi.

Presente alla manifestazione, assieme alla Migliaccio, Claudio Cerresi, responsabile riabilitazione dell'EMAC di Genova, azienda del settore dei dispositivi biomedici, che ha ideato l'esoscheletro robotico inossidabile, lo stesso con cui la Migliaccio ha conseguito il record. "Grazie per dare speranze, ci riesci veramente...", le parole commosse di Selena.

I campioni dell'Aurora Basket e i Dolphins di hokey si sono divertiti a giocare a basking, con il canestro magico inaugurato durante la scorsa edizione. 

Giochi e laboratori di Sara Spiralidoso hanno divertito i bambini. 

Commozione ma anche tanta speranza nelle parole di Rosy, moglie di Bruno Arena: insieme sul palco accanto a Selena hanno raccontato il momento difficile vissuto in un libro ma al tempo stesso hanno lanciato un grido di speranza. "Quando ci è stato proposto di scrivere il libro non ero convinta, poi ci abbiamo ripensato. È un modo per trasmettere un importante messaggio a chi si trova a vivere un momento difficile come noi, con l'amore si vince tutto".

di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 18-09-2016 alle 18:30 sul giornale del 19 settembre 2016 - 778 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBj1