Jesi in rima: ...chi è senza peccato, scagli la prima pietra

Confessionale 5' di lettura 22/09/2016 - Ore 8.30 del mattino, Fratel Gervasio si prende qualche minuto di pausa tra una funzione ed un rosario.




Romolo: bondì gente, que se dice stamadìna de bello?

Augusto: niente de nòvo e te que ce ‘rconti?

Romolo: le solide cose, ‘l ca’ ch’ho da porta’ a spasso, la moje che comanna a tutto
spiano, i fiji che vòle la maghina, i nipodi che vòle gi’ al mare…miga se campa più!

Fra Gervasio: figliuolo accetta queste presenze, sono benedizioni del signore, non
lamentarti che dio ti ascolta e ti giudica..

Romolo: e te, frade, que ce fai da ste parti?

Fra Gervasio: come che faccio? La colazione no? Non vedi che siamo davanti al
monumento Pergolesi? Qui accanto ci sarebbe la Chiesa delle Grazie se non l’avessi
notata!

Romolo: la conoscero’ que dighi? Ce venìo ch’ero munello! Ma dimme ‘n po’,
vualtri podede pure bocca’ ntei bar?

Fra Gervasio: certo, mica siamo reclusi!

Romolo: reclusi vorìa di’ carceradi?

Fra Gervasio: esattamente, noi siamo liberi come voi

Romolo: miga me convinci tanto…mmmmmm….vualtri secondo me sede furbetti,
tutte sse donnette che se viè a confessa’..eh?

Fra Gervasio: piuttosto lei da quanto non si confessa?

Romolo: adè me domanni proprio na’ cosa difficile muntobè…e chi se ricorda?
Boh..sarà trent’anni che non bocco dendro la chiesa

Fra Gervasio: andiamo beneeeee….da vergognarsi!

Romolo: ma me spieghi perché i fatti mia li dovrìa rconta’ all’altri?

Fra Gervasio: perché noi siamo ministri della chiesa mandati da dio

Romolo: te mannerà pure ‘l padreterno ma a me non me convinci sa’?

Fra Gervasio: ti convincerai quando finirai all’inferno per non aver scontato i tuoi
peccati

Romolo: all’inferno ce finirai te che magni le pastarelle…peccato de gola je se dice
no?

Fra Gervasio: io ho già fatto il mio dovere, mi sono svegliato di buon’ora come
sempre, ho letto il breviario, recitato le laudi mattutine, praticata la meditazione e
celebrato la santa messa, potrò secondo te concedermi una colazione?

Romolo: e no! La colazio’ tua ha da esse frugale, leggera, quasi inconsistente, e
nvece magni a quattro ganasce, se vede proprio che te gusta!

Fra Gervasio: lei è un accidioso, invidioso, pieno d’ira, sono tutti peccati capitali, le
consiglio di venirsi a confessare

Romolo: scièèèèèèèèèèèèèè…sperace! Ma que me vòi manna’ pe traverso ‘l da
magna’ stamadina, o ce fai?

Fra Gervasio: se non ti confessi sarai pervaso da un gran senso di colpa e ti sentirai
molto in peccato, avrai la coscienza sporca e ti sembrerà che tutto il mondo è contro
di te

Romolo: allora non hì capido ancora? El mònno è perdero contro de me, anzi è na’
congiura bella e bòna, tutti che pretende e pretende e vòle e chiede…io ce farìa
sta’ te al posto mia, ma almeno te che discori tanto ce l’hai l’orticello?

Fra Gervasio: un tempo c’era l’orto e si allevavano anche le galline ma poi si è
espansa intorno la città e non abbiamo più potuto far niente… eravamo ‘ora et
labora’

Romolo: allora adè non se ‘labòra’…ossia se sta’ in paciòlle, evve’? Bella vidaaaa!
Non è che tante òlte ce sarìa posto pure per me lì dendro? Guardade che so’ fa’
tutto: l’idrauligo, l’elettricista, ‘l muratore…saprìa pure cucina’ solo che mi’ moje
non se fida, dice che sporco nigò e sprègo la ròbba, ma miga n’è vero! Saprìa fa’
certi sughetti da liccasse i gùmmidi..

Fra Gervasio: buon uomo lei non sarebbe cattivo, venga a confessarsi, dìa ascolto a
me, non se ne pentirà

Romolo: a di’ la veridà forse me dovrìa confessa’ tutti l’accidenti che mànno a mi’
moje, chissa’

Fra Gervasio: questo è molto grave

Romolo: non più de tanto sa’? De colpi che je mànno non je ne pìa mai uno!

Fra Gervasio: solo a dirlo dovrebbe avere un brivido, temere il giudizio di dio, sentirsi
preda del demonio..

Romolo: ma sso’ demonio ndo’ sta’?

Fra Gervasio: oramai è in mezzo a noi

Romolo: io nol vedo

Fra Gervasio: eppure esso domina con le forze del male, non vede che sfacelo c’è nel
mondo? Non sente i telegiornali?

Romolo: Oh, cazzarola perchè, non me dirai che guardi pure la televisio’?

Fra Gervasio: certo, noi abbiamo il dovere di tenerci informati

Romolo: e que me dighi quanno c’è le veline mezze scosciàde che se agida tutte, e
balla come sci’ c’avesse le tarantole addosso?

Fra Gervasio: noi chiudiamo gli occhi

Romolo: ce credo muntobèèèèè….mango sci’ ve vedo!

Fra Gervasio: non credi perché hai il ‘maligno’ dentro, sei corrotto

Romolo: senti frade, l’ùnniga cosa da cui sto’ lontano adè è i parenti mìa, e sto’
cusci’ bè che non te ne fai n’idea…Sci’ per tant’è che me venissi a confessa’ te fa’
vede che me pentiscio… e io non vòjo pentìmme, vòjo rmané rustigo, gnorante,
cafo’ al cento per cento!

Fra Gervasio: verrò io a casa tua se vuoi

Romolo: sai que te digo? Ce pòi veni’, tanto la colazio’ te la offrimo, ‘l da magna’
non tel famo manga’, la televisio’ ce la rtròi, penso che non te mangherìa niè, e
soprattutto vòjo fatte conosce le ‘presenze benedette’ che me fa’ ciappola’ tutto ‘l
giorno. Senti, portade pure ‘n bel buttijo’ d’acqua santa..che ce la volerà tutta,





Questo è un articolo pubblicato il 22-09-2016 alle 19:00 sul giornale del 24 settembre 2016 - 1492 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBuJ

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV