Basket: l'Aurora batte San Severo, da domenica si fa sul serio

3' di lettura 25/09/2016 - L’Aurora chiude la sua precampionato affrontando la Cestistica San Severo, dell’ex Coen, squadra di prima fascia nel campionato di serie B.

I due tecnici tengono prudenzialmente a riposo i due “acciaccati” Battisti e Quarisa. Sebbene si giochi senza l’assillo diretto del punteggio – anche stasera i tabelloni sono stati azzerati a ogni fine periodo – anche se la squadra ospite si è presentata in campo con una muta di maglie senza numeri, a parte quattro canotte, rendendo quasi proibitivo il lavoro della stampa, è stata una vera partita, non un semplice allenamento, insomma un vero test, prima di iniziare l’ultima settimana di lavoro, in vista dell’esordio nei rispettivi campionati.

Dando la giusta importanza all’impegno, a differenza del giorno precedente, Cagnazzo ha proposto, alla palla a due iniziale, quello che dovrebbe essere lo starting five ideale, Alessandri, Bowers, Davis, Benevelli e Maganza.

Nel primo parziale parte bene l’Aurora, tenendo alti i ritmi, muovendo bene la palla, riuscendo a togliere punti di riferimento alla difesa ospite. Buone soluzioni al tiro e canestri abbastanza facili. Però la squadra di Cagnazzo paga pegno in difesa, subendo 21 punti: rischio probabilmente calcolato.

Le contromisure arrivano già nel secondo quarto: l’Aurora aumenta di intensità difensiva e con un inizio bruciante, si porta già sull’ 11-0 (7’05”), San Severo colleziona palle perse in attacco, commette un antisportivo e un Di Marco eccessivamente nervoso si fa fischiare un fallo tecnico. Jesi ne approfitta in parte, poiché colleziona un 2/6 dalla lunetta.

La formazione ospite dimostra subito di non volersi arrendere, spronata da Coen e riesce quanto meno a limitare i danni. Nel terzo periodo San Severo cerca di mordere su ogni pallone, poi Di Marco, per le sue reiterate proteste, inspiegabili vista l’importanza del match, si fa espellere. Magari i direttori di gara mancano di elasticità, ma alla fine non possono tapparsi occhi e orecchi…

Nell’ultimo quarto San Severo fa vedere le cose migliori, muove bene la palla, riesce a colpire la difesa jesina nel cuore, sul pitturato e Cecchetti si destreggia bene contro i lunghi di casa.

Per quel che conta, anche questo quarto va alla squadra di casa, nonostante venga tenuto a riposo il suo pezzo migliore, Davis, senza perdere eccessivamente incisività offensiva. Cagnazzo allunga il minutaggio a Scali e Moretti, due ragazzi che avranno sicuramente i loro spazi negli incontri ufficiali. Ora la parola spetterà al campo, domenica 2 ottobre comincerà il campionato, proprio sul campo di una delle favorite, Mantova.

AURORA JESI-CESTISTICA SAN SEVERO 85-56 (26-21; 21-10; 18-11; 20-14)

Aurora Jesi: Alessandri 11, Maganza 10, Bowers 13, Davis 22, Benevelli 18, Mentonelli ne, Scali 3, Moretti, Janelidze 8, Vita Sadi ne , Picarelli. All.: Cagnazzo.

San Severo: Torresi 13, Ikangi 11, Cecchetti 15, Morgillo 6, Di Marco, Necci, Fabi 7, Ciribeni 2, Cena 2, Sindoni,. All.: Coen. Arbitri: Certonza, Dionisi, Vita.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2016 alle 21:50 sul giornale del 26 settembre 2016 - 803 letture

In questo articolo si parla di sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBz5





logoEV