Pallavolo: Lardini, la rimonta riesce a metà e Trento vince al tie-break

19/03/2017 - La rimonta della Lardini riesce a metà. Sotto di due set, la squadra di coach Bellano recupera fino a conquistare il tie-break, dove non riesce a capitalizzare due match-point e cede 19-17, perdendo la prima gara in trasferta della stagione.

L’avvio della Lardini è nel segno di Vanzurova, ma il primo strappo lo firma la Delta Informatica con l’ace di Kijakova (5-3) e il mani out dell’ex Coppi (7-5), recuperata dopo l’infortunio alla caviglia occorsole nella semifinale di ritorno di Coppa Italia al PalaBaldinelli. Filottrano trova le contromisure a muro e sul turno al servizio di Cogliandro sono i block di Bosio e Scuka a consentire il sorpasso (8-9). Bosio trova il campo avversario anche al servizio (9-11) e sul muro di Vanzurova e sul successivo attacco dell’opposta la Lardini prova a prendere il largo (10-15). Sono tre errori in attacco e il secondo ace di Kijakova a rimettere in carreggiata Trento (16-16), Aricò chiude un’azione lunghissima (18-17) e l’ace di Rebora porta al doppio vantaggio le padrone di casa (19-17). Bosio alza ancora il muro (21-20), ma sono i punti di Fondriest a lanciare la Delta Informatica (23-20), che arriva al traguardo con Aricò e un errore offensivo filottranese. Mazzaro e Negrini danno sprint ad una Lardini che in avvio di seconda frazione prova a fare l’andatura (2-4), frenata da Fondriest (6-6). I punti di Scuka e Vanzurova tengono avanti Filottrano (9-10), che tuttavia deve fare i conti con un’ispirata Kijakova (6 punti con il 60% in attacco) e con una Delta Informatica estremamente efficace in fase offensiva (53%). Coach Bellano (che non può contare su Galazzo, in panchina l’alzatrice della serie C Paparelli) cerca di spronare una Lardini che però subisce Aricò prima a muro e poi in attacco (14-11). Dentro Tosi, subito a segno (14-12), ma Trento piazza un break di 8-1 che di fatto indirizza il set (23-14). Il tecnico filottranese le prova tutte, inserendo Rita e Cappelli: la schiacciatrice toscana interrompe il parziale trentino e poi annulla il primo set-point, imitata da Vanzurova e Cogliandro. Ma il margine è troppo ampio e Trento va sul 2-0. Come nel set precedente la Lardini parte bene con i punti di Scuka e Mazzaro (0-2), ma è ancora il turno al servizio di Kijakova a far male (ace del 5-4) ad un Filottrano che comunque torna avanti con il colpo di prima intenzione di Cogliandro (5-6) e poi con il muro di Scuka (9-10). La Delta Informatica sorpassa con l’ace di Fondriest (12-11), la Lardini rimette la freccia con il muro di Mazzaro (13-14), poi Cogliandro diventa un fattore: le fast della centrale tengono avanti Filottrano (16-17), il muro e il susseguente ace danno il là al break (17-20), reso ancora più corposo dai punti di Vanzurova e Scuka (17-23). Il muro di Rebora prova a tenere vive le speranze di Trento (19-23), ma Scuka e Vanzurova accorciano le distanze nel conto dei set. Cogliandro resta una spina nel fianco della Delta: il suo turno al servizio all’alba del quarto periodo produce tre ace di fila (1-5) ed ha il pregio di instradare il parziale. Anche perché la Lardini ritrova fluidità di gioco e colpi d’attacco (59% totale): Mazzaro attacca e mura (8-14), Vanzurova viaggia al 75% in attacco e l’ace di Scuka fanno prendere decisamente il largo a Filottrano (9-21), che con la pipe di Vanzurova e l’attacco di Scuka si assicura il tie-break. Dove la Lardini prova a capitalizzare il quarto muro personale di Mazzaro (1-2), ma in realtà deve inseguire una Delta che spinge al servizio con Moncada e Kaijalina (5-3). Vanzurova e il muro di Negrini ridanno la parità ad una Lardini che rilancia ancora con Negrini (8-9), ma che si ritrova ancora a inseguire quando Kijakova e il muro di Rebora lanciano Trento sul 13-10. La reazione della Lardini passa attraverso il mani out di Scuka e l’ace di Bosio (13-13), la Delta è la prima ad arrivare al match-point (14-13), ma lo vanifica con un errore e lo stesso fa sul 15-14. Cogliandro mette giù di rabbia (15-16), ma anche la Lardini non sa approfittare dell’opportunità, né di quella successiva sul 16-17. Trento torna avanti e stavolta il colpo decisivo lo firma Fondriest a muro.

DELTA INFORMATICA TRENTINO – LARDINI FILOTTRANO 3-2

DELTA INFORMATICA TRENTINO: Moncada 5, Aricò 16, Rebora 11, Fondriest 17, Kijakova 15, Coppi 10, Zardo (L); Montesi, Bogatec, Antonucci, Bortoli. All. Iosi - Avi.

LARDINI FILOTTRANO: Bosio 4, Vanzurova 23, Mazzaro 7, Cogliandro 16, Negrini 7, Scuka 19, Feliziani (L); Tosi 2, Rita, Cappelli 2. N.e.: Marangon (L2), Paparelli. All. Bellano - Quintini.

ARBITRI: Di Bari (Br) e De Sensi (Cz).

PARZIALI: 25-21 (25’), 25-19 (24’), 19-25 (23’), 14-25 (19’), 19-17 (21’).

DURATA: 112’.

NOTE: Trentino: battute sbagliate 14, battute vincenti 6, muri 8, attacco 37%, ricezione positiva 61%. Lardini: b.s. 8, b.v. 8, mu. 13, att. 40%, ric. pos. 57%.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-03-2017 alle 22:36 sul giornale del 20 marzo 2017 - 673 letture

In questo articolo si parla di pallavolo, sport, filottrano, Lardini Filottrano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aHBN