Il candidato sindaco del Pd Pirani parte dall'ascolto dei cittadini: al via incontri nei quartieri

Osvaldo Pirani e Pierluigi Santarelli 20/03/2017 - Parte da Minonna la serie di incontri del candidato a sindaco del Partito Democratico di Jesi Osvaldo Pirani, che si dice convinto che "l'amministrazione dovrebbe sempre avere questo tipo di approccio, un atteggiamento democratico che parte con l'ascolto dei cittadini".

Dopo Minonna gli altri incontri si terranno in vari quartieri della città, da San Giuseppe al Prato, passando per San Francesco e Via Roma, comprese le frazioni di Ponte Pio e Castelrosino. "Noi conosciamo già le problematiche del territorio, soprattutto le epriferie che sono le più trascurate. Al termine dell'ascolto faremo una sintesi e ne coglieremo le opportunità. La scelta di battere queste zone proviene dalla considerazione che il concetto di coesione sociale, di disagio, si respira in queste zone piuttosto che in centro. Tutti gli investimenti e le manifestazioni sono state sin'ora fatte per il centro. Invece occorre portare nelle periferie le iniziative, facendo attività di prevenzione del disagio". Così Osvaldo Pirani spiega il perché dell'inziativa e la scelta delle zone da visitare.

Il calendario, in continuo aggiornamento, prevede da qui a Pasqua una serie di appuntamenti che saranno di volta in volta comunicati. Il primo sarà al centro sociale di Minonna, martedì 21 marzo, alle ore 21.

L'iniziativa è stata presentata in conferenza stampa lunedì 20 marzo presso la Casa del Popolo. Presente anche il segretario del Pd cittadino Pierluigi Santarelli, che dopo l'Unione Comunale dello scorso 15 febbraio non si era più esposto alla stampa. "Ho voluto lasciare spazio al nostro candidato, ma ora è giusto parlare. Sono certo che molti cittadini si aspettassero le primarie, come se non avessimo compreso gli errori fatti nel 2012. Invece abbiamo fatto una scelta di responsabilità, evitandole. Va un ringraziamento a tutto il corpo del partito, anche a chi si è messo di lato per consentire questo passo. Ci siamo trovati in difficoltà nel tessere alleanze, come accade pure a livello nazionale al nostro partito. Vi assicuro che non si è litigato, c'era sostegno forte intorno a Marasca ed ai giovani, ma si è guardato al bene comune e alle esigenze dell'elettorato". 
Il segretario fa sapere che il comitato elettorale intorno al candidato Pirani è molto ampio, trasversale, anche fuori dal partito. "Rispetto a 5 anni fa, il Pd è riuscito a superare vecchi schemi all'interno del partito con una figura che riesce a incarnare i desiderata di tutti", conclude così il suo intervento Santarelli.

Nel frattempo Pirani ha avuto un incontro, la settimana scorsa, in Media Vallesina. Difatti, la sua candidatura non è a sindaco di Jesi ma del territorio, "che ha potenzialità enormi rispetto alle altre zone del territorio marchigiano. Siamo 100mila e riusciremmo a dire la nostra come nessuno in regione. Ecco perché il progetto è di risalire la cresta dell'onda non come Jesi ma come Media Vallesina - Pirani spiega così una delle strategie - perché la città soffre e ha bisogno anche di questa spinta".

Nel programma di mandato, molte delle linee guida sono già indicate nel sito internet www.osvaldopirani.com. Ecco alcuni spunti, che Pirani ha voluto ricordare lunedì:
- attività di agevolazione e promozione per chi vuole e può investire, al fine di creare lavoro, cosa che il comune non può fare se non in questo modo.
- far tornare Jesi quella che era un po' di anni fa in regione, ora si trova disconnessa dal mainstream reginale e nazionale.
- sicurezza: tutti ne parlano come gestione delle conseguenze, come l'installazione delle telecamere che interviene quando già è accaduto qualcosa di spiacevole, o come repressione. Invece la sicurezza si ottiene facendo coesione sociale, integrazione, collaborazione con le forze dell'ordine, le parrocchie.. Questa la strada da percorrere, attraverso la cultura della solidarietà e dell'accoglienza che contraddistingue la nostra comunità.


Infine Pirani non si sbilancia sui nomi della possibile Giunta che lo affiancherebbe qualora diventasse sindaco: "Di certo supererò tutte le divisioni del passato, con una bella quota di giovani assieme alla conservazione delle esperienze positive. Però non faccio nomi, lavoro da sempre con le persone e ci tengo a rispettarle.."


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it




Questo è un articolo pubblicato il 20-03-2017 alle 17:40 sul giornale del 21 marzo 2017 - 1629 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, partito democratico, Pierluigi Santarelli, cristina carnevali, articolo, amministrative 2017, osvaldo pirani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aHDC