Jesi in Rima: prosegue l'appuntamento con la rubrica in versione ..estiva

13/07/2017 - Una coppia si prepara per andare al mare..scambi spassosi per un nuovo appuntamento estivo con la rubrica Jesi in Rima.. buona lettura di "Giornate al mare" di Marinella Cimarelli.

 


Franca: Oggi se va al mare eh? Preparade!
Gildo: Ma mango per niente, io non me mòo de casa.. figurede, sto cusci’ fresco, e que vo cercanno i nummeri dispari?
Franca: Te ‘nvece te vesti e pure a tira’ via che è tardi, scinno’ non troamo ‘n bocco’ de parcheggio!
Gildo: Scordadelo, mango sci’ me paghi!
Franca: brutto smidollato, que vorai fa’ tutta la madìna chi casa, conta’ le formighe?
Gildo: A te non t’ha da frega’ qualche fo io, capido…e smidollada sarai te co’ tutti i parenti tua…
Franca: Prima de parla’ dei parenti mìa puliscede la bocca , quaquaro’
Gildo: E sci’ che tanto è bòniii…te li raccomanno
Franca: Perché que ‘vvanzi da lora?
Gildo: Non me fa’ parla’ ch’è mèjo
Franca: Ancora non te si’ vestido? Que vai ciondolanno avanti e indèdro…spicciade che me stufo a spetta’
Gildo: Pureeeeeeeeee…accojio’ che palle! Ndo’ sta la ròbba del mare?
Franca: Dendro la sacca avanti l’occhi, babbèo..
Gildo: Sto costume è troppo stretto, non ce posso gi’ in giro
Franca: Magni come ‘n porco ce credo, guarda che trippa hì messo su, pari la statua de Buddah!
Gildo: Sarai bella te co’ quel tapanaro che sci’ te metti  sede nte ‘n parcheggio hai da paga’ ‘l gratti’ pel posto che occupi!
Franca: Sei sempre ‘l solido grezzo, ‘gnoranto’ e cuntadi’, anzi dighi na’ parola gentile a tu’ moje, ‘mpara da Eugè, quello sci’ ch’è ‘nnamorado de la moje, je fa sempre i complimenti
Gildo: Eppo’ je mette i corni a palade però… 

Franca: Que je fa’ sci’ lìa nol sa? ’Occhio non vede còre non dòle’..insomma te sbrighi?
Gildo: Comincia a gi’ avanti che io arìvo e ‘nvece de non fa’ niente cariga le sdraie
Franca: Quelle le carighi te perché pesa e io so’ na’ donna
Gildo: Fai be’ a ricordammelo ogni tanto perché è facile che a sentìtte parla’ uno se scorda!
Franca: L’ultima parola ha da esse sempre la tua eh? Non perdi na’ battuda, fijio mio quanto si’ acido!
Gildo: So’ pronto, ndo dovemo gi’ adesso secondo te?
Franca: A Marzocca…
Gildo: E’ troppo distante, me stresso a guida’
Franca: Allora gira pe’ la Rocca
Gildo: Puzza l’aria de petrolio…
Franca: A Marina de Montemarcia’?
Gildo: Lì se paga ‘l parcheggio e non c’ho mango i spiccioli
Franca: Sta a vede che gimo a fini’ giù ‘l moreggio stamadina!
Gildo: Perché que je manga, non è come ‘l mare?
Franca: Secondo te sto bel costume da duecentotrenta euro l’avrìa comprado pe’ fallo vede ai Jesini giuppe ‘l fiume?
Gildo: Noooo…quesso l’hì comprado secondo me pe’ famme bastigna’; ma come? Io i soldi li sudo e te li sperperi…sarai bella a fa’ accusci’? Famme gi’ via subbido scinno’ m’artorno!
Mèta Marzocca i due si fermano al Lido del Carabiniere, Franca incontra un’appuntato dai modi gentili che la saluta distintamente e le bacia la mano.
Gildo: E quesso quanno l’hì conosciudo? Pure ‘l baciama’…anvedi a te zitta zitta che gattamoscia…
Franca: M’ha fermado in città che ‘ndavo a 70 e non m’ha fatto la multa, ‘n signore!  

Gildo: Ah sci? Spetta allora che je digo na’ parola nte’ na’ recchia…”Senta, quell’òmo..la prossima òlta se la porti na’ nottada in galera che io non ce combatto! Eppo’ lei non se sarà accorto che lìa non porta la cintura, se trucca quanno guida, fuma la sigaretta, sfregnetta co’ l’autoradio, parla col ca’ e discore al cellulare nisciuno sconto de pena, è da daje l’ergastolo





Questo è un articolo pubblicato il 13-07-2017 alle 09:52 sul giornale del 14 luglio 2017 - 4178 letture

In questo articolo si parla di cultura, attualità, poesie, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aLck

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima