Polacco espulso torna clandestinamente in Italia ma la Polizia lo arresta di nuovo

13/07/2017 - Un polacco di 32 anni è stato arrestato a Jesi dalla Polizia del locale Commissariato guidato dal dott. Morra, per aver violato la misura di sicurezza dell' allontanamento dal territorio nazionale.

Verso la fine di aprile K.D , cittadino polacco, era stato espulso dal territorio nazionale in applicazione di una misura di sicurezza emessa dal Tribunale di Ancona in quanto soggetto ritenuto socialmente pericoloso.

L'uomo, a conclusione di un periodo di detenzione in carcere per aver commesso svariati reati, era stato allontanamento coattivamente dal territorio Italiano.

Nonostante il divieto di reingresso di anni 10 il polacco era ritornato clandestinamente in Italia trovando ospitalità in un abitazione di Jesi.

Nella mattinata di mercoledì gli agenti del Commissariato hanno fatto irruzione nell'appartamento sorprendendo l'uomo che veniva dichiarato in stato d' arresto e trattenuto presso il Commissariato in attesa del giudizio con il rito direttissimo.

Nella mattinata successiva, il tribunale di Ancona ha convalidato l'arresto ed ha disposto per K.D il trattenimento in carcere in attesa di una nuova espulsione coattiva.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it




Questo è un articolo pubblicato il 13-07-2017 alle 18:32 sul giornale del 14 luglio 2017 - 690 letture

In questo articolo si parla di cronaca, jesi, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aLdp