Basket: Uragano Termoforgia

09/09/2017 - Una specie di uragano, chiamato Termoforgia, si abbatte sul malcapitato Recanati, nel secondo impegno casalingo settimanale all'Ubi Bpa Sport Center.

Certo, senza Broglia infortunato (rientrerà in campo all'esordio di campionato), con qualche acciacco in meno, la squadra degli ex Coen e Paoletti sarebbe stata sicuramente meno arrendevole, ma la prova della squadra di Cagnazzo è stata comunque eccellente, per la ricerca spasmodica di intesa tra i giocatori, resa assai più concreta, se non elementare, dalla quantità industriale di palle recuperate, frutto di una ottimo gioco difensivo. Morale della favola, almeno un terzo dei punti sono il frutto dei contropiede e la buona difesa ha permesso di trovare una certa sicurezza in attacco, della quale si sonno giovati un po' tutti.

Il punteggio finale, 117-57, la dice tutta sull'andamento del match, che ha offerto buoni spunti di gioco e ha sottolineato la vera anima della squadra che Cagnazzo sta forgiando, fatta di tanta difesa e velocità, con i due americani Brown e Hasbrouck, sempre  più complementari tra loro.

Sfortuna a parte, anche a Jesi Recanati ha pagato il suo tributo alla malasorte, subendo il guasto di uno dei due pulmini, proprio all'ingresso in città, la squadra di Coen è apparsa assai in ritardo, con alcuni giocatori appesantiti dai carichi di lavoro, Gurini su tutti e il solo capitan Pierini, che questa estate sembrava in predicato di finire a Jesi, a tenere botta, per quanto possibile, agli avversari. Troppo poco per una squadra allestita per cercare, se possibile, di lottare per il vertice.

Tornando alla Termoforgia, con 4 giorni di allenamento in più si sono visti altri progressi incoraggianti: la via che conduce all'esordio con Verona, domenica 1 ottobre, è ancora lunga, bisognerà continuare a lavorare sodo per arrivare in condizioni ottimali, senza pause e con tanta fiducia e soprattutto, senza dimenticare che poi, in campionato, quello che oggi riesce facile, potrebbe riuscire più difficile da realizzare.

Il solco tracciato da Cagnazzo e i suoi collaboratori sembra però quello giusto, per combattere alla pari con le temibili avversarie del girone e portare parecchio pubblico al palasport.

Questi gli starting five:

Jesi: Brown, Marini, Rinaldi, Hasbrouck, Idehioha

Recanati: Guarino, Fall, Pierini, Di Viccaro, G.Gurini

TERMOFORGIA JESI - USBR RECANATI 117-57 (37-14; 34-23; 22-13; 24-7)

Termoforgia: Brown 31, Quarisa 8, Marini 16, Piccoli 7, Rinaldi 10, Hasbrouck 22, Idehioha 11, Massone 8, Mwananita 2. All.: Cagnazzo

USBR Recanati: Guarino 3, Raponi 3, Fall 12, Pierini 17, A.Grurini 3, Di Viccaro 8, Vidakovic 2, G.Gurini 9. All.: Coen.





Questo è un articolo pubblicato il 09-09-2017 alle 18:40 sul giornale del 11 settembre 2017 - 2859 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMRD