Jesi in Rima: appuntamento con 'L'analisi del sangue'

analisi del sangue 13/09/2017 - Nuovo appuntamento con la rubrica Jesi in Rima: 'L'analisi del sangue'...buona lettura!

Aldo: vedi de sta’ zitto che stamadina non me se parla, c’ho ‘n diàolo per capello!
Giulio: ma se i capelli non ce l’hai, si’ pelado…
Aldo: non fa niè, quel che conta è ‘l concetto!
Giulio: quale sarìa so’ concetto, spiegheme…
Aldo: è inutile che te spiego…tanto non capisci
Giulio: come non capiscio e que so’ scemo?
Aldo. Scemo proprio no,  ma mango tanto guzzo!
Giulio: hì scagnarado co’ tu’ moje? S’è rotto qualchicco’ giù casa, tu’ fija è ‘rmasta incinta?
Aldo: nooooo……….che te podessi scudula’ giuppe la Costa del Montirozzo, e quante ne vai a pensa’? So’ gido a fa’ l’analisi, c’ho i tigiccèddidi troppo alti, non posso magna’ più…
Giulio: embè ndo’ sarìa tutta la tragedia, voldi’ che ce starai attenti
Aldo: me còci n’òvo, io campo solo pe’ magna’ figurade ‘n po’…
Giulio: ma non se pòle campa’ solo pe’ magna’ a te, te ce vòle na’ guida spirituale, ‘n prède, ‘n frade…
Aldo: no’ me nomina’ predi e fradi eh? M’ha bastado quann’ero in Seminario, le battecchàde nte’ le ma’, in ginocchio sull’acini del gra’, prega’ madìna e sera, e l’unniga òlta che ho proàdo a scappa’ via… na’ settimana per cena m’ha messo a pa’ e acqua! Na’ sghescia de notte, fortuna ch’ero birbo e ‘ndao de niscosto giù la dispensa a magna’ qualche troào
Giulio: se vede ch’eri tristo muntobè scinno’ non se spiega
Aldo: ero tristo… que voldi’? Ero vivace come tutti i munelli, non me piacèa a studia’, facéo i scherzi ai fradi, capace je ‘ntrecciavo ‘l cordo’ che non jela  facea più a sciojelo, ‘ndavo de niscosto nte la cucina e rubbavo le mele, je metteo ‘l sale al posto de lo zucchero! Tutte robbette da pògo...ma ‘l peggio è stado quann’ero più grannicello che na’ madina a scòla  ho levado ‘l crocifisso dal muro e po’ lassado l’impronte de le scarpe che da lì caminava lungo le paredi dall’aula fino al cesso, ndocche ho messo a Cristarello sopra ‘l water come sci’ fosse gido a fa’ la piscia…Aprede cielo, Fra Giuliano, ‘l professore de filosofia,  ha ‘ncuminciado a urla’ come ‘n forsennado, je scappava la bava da la bocca, ‘ntrejava… A ‘n certo punto m’ha preso pe’ na’ recchia eppo’ m’ha ‘ncuminciado a stragina’ per tutto ‘l coridoio fino a giù dal Preside!  Col dido indice puntado come sci’ volesse cavatte l’occhi s’è messo a di’ “Questo alunno deve avere una punizione esemplare Signor Preside, convochi urgentemente i genitori perché la questione è grave, molto grave, ha offeso la sacra immagine di Cristo Gesù”. Fortuna che ‘l Preside n’era ‘n frade ma uno qualsiasi, come je se dice’… un ‘larico’
Giulio: te sbjaji, se dice laico…
Aldo: ade’non gimo tanto pel sottile, sci’ sarà quello lì, embè non m’ha punido e non ha chiamado mango babbo e mamma, anzi, m’era parso che je vinìa pure da ride. E’ qualche m’ha fatto passà dopo l‘ frade che ha ‘ncuminciado a ‘nterogamme tutti i giorni: Aristodele, Platone, Ciccerone, e chi li conoscea? Que ne so’ io qualche pensava, secondo lu’ “dovevo conoscere il loro pensiero”… e que stavo nte’ la zocca de lora io? Capirai, sarà stado tre settimane a’rcontacce de uno che se chiamava Sant’Agostino!
Giulio: ma chi era perché, qu’ha fatto?
Aldo: figurade… no’ svalvolado mezzo rincitrullido che non facea altro che pensa’ ‘l giorno e la notte,  e  che s’era fissado de caccia’ l’acqua del mare tutta dendro na buga!  Vurìa sape’ quanto c’avrà messo, penso che sci gimo sulle sponde del mare ancora ce lo ‘rtroamo. A corti discorsi comunque io dopo quela spaurida ero diventado bòno com ‘n santo, doveo riparà lo zero in condotta. Quanno c’era da gi’ a pija’ i libbri che pesava cureo come ‘l lepre…Po’ pe’ fa’ vede che ero cambiado e che stavo a senti’ ‘l professore me metteo al primo bango, me so’ messo pure a scrive nte’ l lavagna i nomi dei compagni tristi che facea caciara all’intervallo, a la fine dell’anno ero pure diventado capoclasse!
Giulio: che ruffia’, ce vole ‘l coraggio a tradi’ l’amici cusci’, ma ‘n te vergogni?
Aldo: Giulio mia, ma non capisci che sci non ‘ugni’ la ròda non gira? ‘l mònno va cusci’,  te l’ho da spiega’ io? Sapessi quanno che vo a fa’ l’analisi, avessi da vede come che sviolino l’infermiere…Te j’hai da di’ ch’è belle sci’ non vòi che te fa’ tre bughi pe’ ‘n prelievo!  Avessi da vede qualcuna quant’è carina, eppo’ ce sta na’ moretta coll’occhi neri e i capelli lunghi giù via Guèri che me fa muri’… quanno che me guarda me sciojo tutto…Stamadina j’ho portado le pastarelle de Bardi, quant’è stade cuntente… j’ho chiesto sci’ le magnava subbido ma sai qua m’ha risposto? “E no caro signore, dopo lei ne vorrà sicuramente assaggiare qualcuna ed ha i trigliceridi troppo alti, l’ultima volta i valori erano alle stelle, noi la ringraziamo tanto ma queste non si toccano e poi ora abbiamo molto da fare, non vede quanta gente fuori?”.
Cusci’ m’è gida male, quanto so’ sfigado ma dimme te…
E lì davanti na’ sfilza de cristia’ che non finìa più… avessi da vede quanti estracomunitardi, comunque aho’ c’ha quei fiji bòni come i santi, anzi pare i nostri, ce n’era uno ch’avrà avudo sci’ e no quattr’anni me guardava e ridea e pò se vergognava. Allora j’ho ditto “Vòi na’ caramelletta?” La madre da sott’al velo m’ha datto na’ sguardada come per di’ “Fatte i fatti tua” ma però era contenta me sa’ che je parlavo, stava tutti zitti come le mummie, ma io digo, te fa male a sucializza’ ‘n tanti’ co’ sa gente? Que fa, mozziga? Quanto semo rustighi però...
La prossima òlta quanno me vo’ a fa’ i controlli me porto dièdro ‘n giogarello de mi’ nipode e je lo regalo, e sci’ ‘l cerca e nol tròa mèjo, tiè, pija su e porta a casa! Accusci’ ‘mpara a èsse tristo…’n ce se combatte, vòle fa’ sempre qualche je pare, me tocca a cureje diedro pe’ tutti i Giardini, me va zompanno sull’altalene, se vole tuffa’ dendro l’acqua dei pesci, domanna sempre ‘l gelado… e quanno se ‘ccorge che c’ho ‘l fiado corto sso’ sfacciado non me dice “ Mettede a sède nonno che si’ vecchio, non cure che te fa male!” Figuradeve… vecchio io, è perché m’è venude le rughe scinno’ a sta’ gioventu’ smidollada de oggi, anco’ je do’ tre giri!!!





Questo è un articolo pubblicato il 13-09-2017 alle 17:26 sul giornale del 14 settembre 2017 - 886 letture

In questo articolo si parla di jesi, dialetto, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMY6