Jesi in Rima: buona lettura con 'La gabbia de matti'

08/10/2017 - Marinella Cimarelli ci fa sorridere con questa nuova poesia: LA GABBIA DE MATTI. Buona lettura!


Che ‘l mondo sarìa na’ ‘gabbia de matti’,
che se moltipliga i ‘ricoveri coatti’,
la camicia de forza è gida in disuso,
el manicomio è bello che chiuso…
aggià se sapea, non stupisce nisciu’,
e quanno che meno, quanno che più
puretti a nuantri ce tocca a da’
la ragio’ pure a chi non ce l’ha!
Ma no’ li vedi in televisio’
che tra no’ sbajio e no’ sfondo’
tutta la massa dei capoccioni
è riveridi… eppo’ me cojioni
quante ne dice de stronzadelle,
che io riderìa a crepapelle
sci’ non fosse tragica la questio’…
me manna attraverso pure ‘l bocco’!
Puntuale la sera, palale papale,
te da la notizia ‘l Telegionale:
Che lu’ a lìa  l’ha sbudellada,
che nte’ la Piazza na’ bomba è scoppiada,
che no’ ‘mbriago s’è ‘ncarettàdo,
la moje, ‘l marido e ‘l vicinado,
straripa l’argini de tutti i fiumi,
non se ragiona, se perde i lumi…
Non funziona più na’ mezza rodella,
se da’ fastidio a na’ pora munella,
se violenta le donne ‘ncora più anziane,
(perché se fa prima che c’ha le sottane!),
te scippa la borsa da sotto i bracci,
‘n colpo a te e a tutti i mortacci,
pe’ venìtte a rubba’ te scassa ‘l porto’,
cusci’ lo ripari e te costa ‘n soldo’,
se ‘rampiga pure su la grondaia
e sci’ se fa male in mezzo a la ghiaia
te tocca ‘ncora a pagallo pe’ bòno,
saetta, fulmine e pure ‘l tòno!
Sci’ fai la fila e te passa avanti
eroi, martiri e tutti i Santi,
hai da sta’ zitto e non fiada’
scinno’ poèsse te vie’ a ‘ntervista’,
chiede ‘l Cronista: “Scusi perché?”
e te sputtani proprio bembè.
El massimo è ben rappresentado
dal fijio ùnnigo bello vizzziado
che vòle fa’ fòri l’intera famijia,
e quanno la rama de matto je pijia
li fa fòri tutti e po’ va’ all’Enoteca,
oppure a balla’ nte’ la Discoteca,
che tanto miga sta troppo in galera
c’è pògo spasso de giorno e de sera;
giusto ‘n passaggio ‘toccada e fuga’
perché scinno’ lo rovina la ruga…
Dopo ‘ntascàda l’eredità
‘rtròelo te… e vallo a ‘cchiappa’!
‘nciucia ‘n tanti’,  mischia le carte,
ma que semo, su: “Scherzi a parte”?
Lassademe perde che c’ho del tristo
e non cercademe su:“Chi l’ha visto?”!





Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2017 alle 09:58 sul giornale del 09 ottobre 2017 - 4473 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNKH

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima