Vicenda Banca Marche, il presidente del consiglio comunale Massaccesi scrive al sen. Casini

10/10/2017 - La lettera indirizzata al Sen. Pierferdinando Casini, riguarda la relazione finale della commissione di studio di Banca Marche.

Quale Presidente del Consiglio Comunale di Jesi ho ritenuto doveroso scrivere una lettera al Sen. Pierferdinando Casini - Presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario - per chiedere attenzione e considerazione sulle questioni contenute nella Relazione Finale approvata dal Consiglio Comunale di Jesi in data 21 Settembre 2016, frutto di mesi di lavoro e di incontri, di audizioni e di raccolta di documenti, che gli ho inviato.

Il tutto fiducioso che possa costituire un valido contributo ai lavori che, più autorevolmente di noi, e sicuramente con maggiori mezzi e capacità, tutti i componenti della Commissione Parlamentare si accingono a fare, e ciò anche dopo essere stato contattato a suo tempo dal Direttivo dell’Associazione Vittime del Salva-Banche, che raggruppa i risparmiatori che si sono uniti dopo l’azzeramento per D.Lgs. 180/2015 (Decreto Salva-Banche) dei propri risparmi investiti in obbligazioni subordinate ed azioni di Banca Etruria, Banca delle Marche, CariFerrara e CariChieti. Dopo mesi di attesa, avendo appreso della recente istituzione di una Commissione Parlamentare di Inchiesta sul sistema bancario, come da legge 12/07/2017, n. 107, è peraltro sorprendente vedere come la politica, dopo aver detto e ribadito, per mesi, il suo impegno per una Commissione di Inchiesta che avrebbe dovuto fare chiarezza su quello che è successo ai 4 Istituti creditizi finiti in ginocchio, e poi risolti, dei nostri territori, sia riuscita ad istituirla solamente a pochi mesi dalla fine della legislatura, e dopo un anno di rinvii.

Nell’interesse dei nostri territori e praticamente degli unici (o quasi) risparmiatori azzerati e sacrificati di tutta la storia della Repubblica Italiana, c’è l’auspicio che la Commissione, pur nella ristrettezza dei tempi, possa farsi carico ed assumere l’onere di cercare almeno la verità, e non solo i responsabili, materia peraltro di competenza di altre Istituzioni, e di fare chiarezza soprattutto sul dissesto di Banca Etruria, Banca delle Marche, CariFerrara e Carichieti.

Il Consiglio Comunale di Jesi, probabilmente l’unico a farlo in Italia, aveva istituito una apposita Commissione di Studio su “Banca delle Marche” il 15 dicembre 2015.


da Daniele Massaccesi
Presidente del Consiglio Comunale di Jesi




Questo è un articolo pubblicato il 10-10-2017 alle 21:57 sul giornale del 11 ottobre 2017 - 1590 letture

In questo articolo si parla di Daniele Massaccesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNQy