Bravi (Croce Rossa): 'Carenza di medici sarà grave problema se la Regione non interviene subito'

medico 12/02/2018 - Recentemente l'ASUR ha detto che, per il caso della Broncopneumologia di Jesi, non si sarebbero trovati specialisti. In realtà, nonostante i ripetuti solleciti da parte del Dipartimento, Direzione Sanitaria e Sindacati, i concorsi non si sono voluti fare, ma soltanto "Avvisi" per contratti a tempo determinato, quindi "precari", contrariamente a tutte le normative nazionali ed Europee.

Ma cosa accadrà nei prossimi anni, quando realmente avremo un calo fisiologico dei medici per effetto dei pensionamenti, sia medici ospedalieri, sia medici di famiglia?

Si prevede una "emorragia" di 45.000 medici in 5 anni.

Nel 2028 saranno andati in pensione 33.392 medici di base e 47.284 medici ospedalieri, per un totale di 80.676.

E le presumibili nuove assunzioni non potranno bilanciare i pensionamenti.

Per i medici di base, le Borse per il Corso di Formazione in Medicina Generale messe a disposizione sono, oggi, circa 1.100 all'anno e, se il numero rimarrà costante, nel 2028 saranno rimpiazzati non più di 11.000 medici.

Grave è la situazione dei medici del Sistema Sanitario Nazionale perchè l'attuale sistema delle Scuole di Specializzazione in Medicina non garantirà un numero sufficiente di specialisti; infatti i posti resi disponibili per le Scuole di Specializzazione sono complessivamente circa 6.500 all'anno, mentre dovrebbero essere almeno 8.500, soprattutto pediatri, chirurghi, ginecologi, cardiologi.

Con un pò di lungimiranza, anzichè attendere altri anni ancora, la Regione dovrebbe riaprire i CONCORSI subito, senza attendere che non ci siano più realmente medici da assumere.

Questi mancheranno, come affermato dai Dirigenti dell'ANAAO e di ASSOMED, anche perchè molti saranno scappati all'Estero, mentre per l'Italia si apriranno le porte dei medici dei Paesi Balcani che aspettano di trasferirsi in cerca di redditi maggiori.

Attualmente, si sta, forse, sanando la situazione della Broncopneumologia di Jesi (ma sarà vero?).

Ma quando avverrà per il Pronto Soccorso, così come in altri Reparti, ove medici ed infermieri operano al di sopra delle loro forze, con una turnistica al di fuori della legalità. L'ultimo concorso per il Pronto Soccorso risale al Dicembre 2016 ed, esaurita la graduatoria, si sono ben guardati di farne un altro. Quindi ad oggi sono rimasti come nel 2016: solo 8 medici dei 13 necessari...........e le stelle stanno a guardare!


da Dott. Francesco Bravi
Presidente Croce Rossa Italiana di Jesi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-02-2018 alle 08:53 sul giornale del 13 febbraio 2018 - 1823 letture

In questo articolo si parla di attualità, medico, Francesco Bravi, Croce Rossa Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRBo





logoEV