Cultura, sport e musica per l'integrazione al San Savino Linkin Festival

30/09/2018 - Anche quest’anno il San Savino Linkin Festival non ha deluso le aspettative, con una edizione doppia, se vogliamo, per contenuti, in quanto, grazie alla collaborazione con l’Astralmusic, è stata inserita una parte dedicata alla musica, culminata con un concerto del cantante italo-congolese Mudimbi.

Un pomeriggio pieno di contenuti, sociali e culturali.

La manifestazione, nata grazie al sogno, poi diventato realtà di Giuseppe Romagnoli, anima della Victoria International House, ben coadiuvato dai suoi preziosi collaboratori, è iniziata con una parte dedicata ai più giovani, con la premiazione dei giovani partecipanti ai corsi, oltre 400, che hanno ottenuto brillanti prestazioni, su diversi livelli di apprendimento: presente perfino un gruppo di bambini di età compresa tra 3 e 5 anni! In rappresentanza del Comune di Jesi era presente l'Assessore Luca Butini.

Premiati anche alcuni alunni della Scuola Media Federico II, altra importante componente nella vita del quartiere, che da anni ha aperto le porte alla Victoria; alcuni di loro hanno ricevuto un doppio attestato, per i corsi di lingua francese e inglese.

In breve la piazza si è riempita di suoni e colori: la parte musicale è stata curata da Astralmusic e Radio Blu che ha trasmesso in diretta la manifestazione, grazie alla nota storica speaker Grazia Tiberi che ha avuto anche la possibilità di intervistare in anteprima il cantante Mudimbi. (nella foto)

Difficile elencare la società sportive, le associazioni culturali presenti e sponsor, senza correre il rischio di dimenticarne qualcuna.

Oltre al torneo di basket nel campo allestito dall’Aurora Basket, segnaliamo lo spettacolo itinerante della Scuola di Danza Cinzia Scuppa, che ha eseguito le proprie performances in prossimità dei murales del quartiere San Giuseppe, creando un ponte tra queste opere, ma anche tra genti e culture diversi.

Molto interessante e significativa la proposta di restyling del piazzale da parte di alcuni alunni guidati da Massimo Ippoliti, ancora in fase di studio, anticipata in qualche maniera da alcune sagome che rappresentavano persone in fuga dalla propria difficile realtà in cerca di un futuro proiettate, verso simboli di accoglienza. Il filo che univa speranza e futuro è partito proprio da quel balcone al terzo piano dove abita la signora Maria, 102 anni, diventata il simbolo di San Savino, colei che ha “prestato” la propria mano per realizzare il calco che la rappresenta, nel monumento simbolo del piazzale.

In un certo senso è diventata lei la vera star del pomeriggio quando, al temine dell’abbraccio che ha coinvolto tutti i presenti che si sono presi per mano realizzando anche quest’anno il record di “abbraccio più grande delle Marche”, è scesa in piazza, lanciando dei palloncini colorati, simboli di pace e integrazione.

Come detto in precedenza, molto difficile ricordare tutte le associazioni sportive e culturali presenti: il pomeriggio è stato chiuso da uno splendido spettacolo del Libelle Circo, dell’Associazione Ackapawa, che ha tenuto tutti con lo sguardo rivolto all’insù a seguire le evoluzioni sui tessuti aerei.

Giusto il tempo di liberare la piazza, al temine delle manifestazioni sportive, è iniziata la parte musicale. La Astralmusic, sotto l'occhio attento di uno dei titolari, Giordano Tittarelli, ha presentato un contest canoro riservato ad alcuni giovani emergenti del genere trap, rap, hip-hop, che ha portato in piazza tantissimi giovani, ma anche meno giovani.

La serata si è chiusa con la partecipazione del cantante Mudimbi, che ha partecipato all’edizione 2017 di Sanremo Giovani, ottenendo parecchi consensi. Oltre che cantare le sue canzoni si è anche un po’ raccontato, dimostrando, rivolgendosi ovviamente ai giovani, come si può e si deve restare umili, anche quando si arriva al successo.

Uno dei messaggi più importanti, non l’unico, scaturiti da questa bellissima edizione del San Savino Linkin Festival.








Questo è un articolo pubblicato il 30-09-2018 alle 11:11 sul giornale del 01 ottobre 2018 - 1926 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, giancarlo esposto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYS1