Jesi in Rima: ragazzini agitati, un consiglio da Marinella Cimarelli

10/10/2018 - I fatti di cronaca della città riportano ormai spesso le cattive imprese di bande di ragazzini che infastidiscono persone o distruggono luoghi pubblici che invece dovrebbero essere rispettati e conservati. Così Marinella Cimarelli si è calata nei panni di un anziano che, sconcertato da questi comportamenti, rivolge un monito alle nuove generazioni.

Dade retta a sto' vecchio
munelli lassade sta',
n'è bello a tira' i sassi
e mango a saccheggia',
distruge i locali, spacca' i tauli'
le sedie, le panchine, e fa' tanto casi'
Ve pare na' cosa bella pijassela coi vecchi
le donne incinta e i pòri cagnoletti?
La Fabbriga de Pieralisi ha fatto tanta storia
se meriteria 'n Monumento a la Memoria
l'Ospedale Vecchio 'l dovrebbe rinnova'
e nvece che faje la guardia vualtri que stade a fa'?
Pensade quanta gente dendro c'ha fadigado
s'è fatti onore, ha costruido e curado...
ormai all'età vostra s'avrìa da capi'
posta' che ogni tanto qualcuno ve l'ha da di'?
Ogni tre giorni sede sul giornale
vualtri penserede "Semo famosi"
capide che se imprese 'n c'ha niente de speciale
c'è modi alternativi pe' diventa' GLORIOSI
Cominciade a porta' le sporte all'anziani
aiudadeli a traversa' le strigie pedonali
dadeje 'l braccio se li vedede malsani
allora sci' che sarede fenomenali!
E sci' ve pòle regala' solo na' caramella
ringraziadeli perchè de più non c'ha da da'
almeno è naturale, no de siguro è quella
che qualche delinquente prima o poi ve darà!





Questo è un articolo pubblicato il 10-10-2018 alle 10:41 sul giornale del 11 ottobre 2018 - 2402 letture

In questo articolo si parla di cultura, jesi, poesie, vandali, monumento ai caduti, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZeJ

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV