Arcevia: sequestrati 10 metri cubi di rifiuti, cittadino arceviese denunciato

20/10/2018 - Nei giorni scorsi, i Carabinieri Forestali delle Stazioni di Arcevia e Sassoferrato sono intervenuti, su segnalazione di un cittadino, in località San Giovanni Battista del Comune di Arcevia, dove hanno rinvenuto in un terreno privato un cumulo di rifiuti abbandonati, di volume pari a circa 10 metri cubi, composti da mobili, porte, tubi in plastica ed altro materiale edile e vegetale.

A poca distanza dal cumulo, è stata rinvenuta un’area di circa 20 metri quadrati dove era ancora in corso un rogo di rifiuti dello stesso tipo.

Le indagini sin da subito hanno indicato quale responsabile dell’abbandono di rifiuti e dell’abbruciamento a terra, il marito della proprietaria del terreno, il quale é stato denunciato alla Procura della Repubblica di Ancona per combustione illecita di rifiuti a terra e gestione illecita di rifiuti.

Sequestrato il cumulo di rifiuti e l’area interessata dall’abbruciamento illecito.
Dagli accertamenti dei militari risulta che la condotta sia reiterata, e che il responsabile nei giorni precedenti si sia disfatto nello stesso modo illecito di altri rifiuti dello stesso tipo.

Il reato di abbruciamento di rifiuti a terra, inserito nel 2013, a seguito dei noti eventi riconducibili alla “terra dei fuochi”, prevede pene molto pesanti che vanno da 2 a 5 anni di reclusione.







Questo è un articolo pubblicato il 20-10-2018 alle 15:35 sul giornale del 22 ottobre 2018 - 794 letture

In questo articolo si parla di arcevia, cronaca, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZBh





logoEV