Maiolati: a Moie apre il Capitolo Sagitta

26/10/2018 - BNI il network per fare affari referenziando aziende e professionisti

Arriva anche in Vallesina un nuovo modo di fare business: a Moie si è inaugurato il gruppo BNI Sagitta. BNI è la prima associazione di scambio referenze a livello mondiale, un metodo di aumentare vendite e ricavi attraverso la rete di relazione. Nelle Marche esistono sette capitoli attivi ad Ancona, Jesi, Fermo, Civitanova, San Benedetto del Tronto, Castelfidardo, Senigallia. Si tratta di un passaparola strutturato attraverso un metodo di lavoro che coinvolge imprenditori e professionisti che si riuniscono una volta la settimana.

Il Presidente di BNI Sagitta

"Il successo è assicurato - dice il Presidente Altero Lardinelli, ad della società Aurora Basket - lo storico dei Capitoli (team di lavoro) che già lavorano da tempo nelle varie città d'Italia, assicura che un gruppo d'imprese e di professionisti possono arrivare molto lontano come relazioni e conoscenze. Del resto le Marche si adattano molto bene a questo modello. La nostra regione è fatta da piccole e medie imprese e quindi la forza di un gruppo che insieme lavora secondo un metodo di relazioni strutturate è davvero importante".

Nello scorso anno BNI in Italia ha realizzato 260 milioni di euro di fatturato di nuovi affari con oltre 7.000 associati che lavorano divisi in Capitoli. Il metodo ha preso piede nel mondo grazie a Ivan Misner, un imprenditore statunitense che avviò l'associazione nella metà degli anni Ottanta. Ora nel mondo BNI fattura 15 miliardi di dollari ed è diffusa in 74 diverse nazioni .

Per entrare nel gruppo occorre sottoscrivere un codice etico ed è obbligatorio partecipare alle riunioni settimanali (sempre dalle 7,30 alle 9,00 del mattino) organizzate dai diversi capitoli e strutturate con la stessa formula. Si inizia con la colazione, che altro non è che un mezzo di libera socializzazione, per passare a 15 minuti di formazione sulle strategie di marketing di referenziale (referral marketing, studiato nelle università americane), per poi passare la parola a ciascun aderente che, in 60 secondi, deve sintetizzare, con la massima efficacia, l'attività svolta e lanciare la richiesta della settimana (cosa cerca). La riunione di lavoro quindi si conclude con lo scambio delle referenze e i "Grazie Affare Concluso" (GAC) attraverso il quale si informano i colleghi degli affari andati a buon fine, per merito di chi, e di quale importo è il lavoro realizzato.

"Si tratta di un vero e proprio metodo di lavoro che ho sperimentato - dice Francesco Guerrini, di Circle Project, tra i fondatori del gruppo di Moie - e che funziona. E' un nuovo modo di fare business. Nelle Marche c'è molta attenzione e si stanno costituendo altri Capitoli".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2018 alle 16:03 sul giornale del 27 ottobre 2018 - 1539 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZNI