Comitato No Jesi pattumiera delle Marche: 'Mega digestore e nuova ciclovia in netto contrasto'

Comitato No Jesi pattumiera delle Marche 21/11/2018 - “Mentre la Regione investe per la crescita sostenibile della Vallesina, l’Amministrazione Comunale progetta di portare a Jesi tutti i rifiuti organici della Provincia di Ancona e Pesaro”.

Quale ruolo hanno i cittadini sulle decisioni che le amministrazioni pubbliche decidono di assumere? In questo fase storica, senza ombra di dubbio, possiamo affermare che i cittadini quasi mai vengono interpellati e ascoltati, le assemblee pubbliche, almeno nella nostra città, sono ormai da tempo superate. Mentre come Comitato, continuiamo a chiedere all’Amministrazione di ripensarci, visto che l’idea di realizzare un mega- digestore di 100.000 tonnellate, per i rifiuti organici di due province, non è lo sviluppo che i cittadini vogliono per questo territorio, l’Assessore Napolitano e il Sindaco, continuano a pensare che i circa 50 camion in più che giornalmente viaggerebbero sulle nostre strade non provocheranno inquinamento, che l’aumento delle polveri sottili, non creerà danni alla salute e quindi vista l’opportunità economica offerta dall’ATA, l’opera – SI DEBBA FARE – a prescindere dagli aspetti ambientali e di salute delle nostra Comunità.

Mentre quindi a Jesi, come Comitato ci stiamo organizzando per fermare questo MOSTRO-, la Regione Marche annuncia che investirà 7,1 Milioni di euro per la realizzazione di piste ciclabili, e aree di sosta attrezzate, in prossimità di nodi di scambio o in luoghi di particolare interesse paesaggistico. La pista principale, si svilupperà lungo un tracciato che parte da Falconara per arrivare a Fabriano, lungo tutto il corso del fiume Esino.

In sostanza, le aree di sosta e la pista, verrebbero realizzate a poche decine di metri da dove l’Amministrazione Comunale, stà ipotizzando di realizzare il Mega Digestore. Una contraddizione nei termini, da una parte piste ciclabili, all’interno di un piu’ ampio progetto “BIKE” per portare turismo nelle nostre zone, e dall’altra JESI, che propone “ camion – rifiuti- inquinamento- cattivi odori”.

NOI pensiamo che le due cose non possano coesistere, sarebbe un fallimento complessivo e l’ennesima opportunità gettata al vento, per la ripresa dell’economia cittadina. Riteniamo che la proposta di sviluppo che la Regione sta’ provando a far decollare in Vallesina sia seria e per noi condivisibile, pensiamo, invece, che l’Amministrazione Comunale sbaglierà se anziché approfittare di questa opportunita’, per fare –sistema - con le eccellenze agroalimentari locali, la ristorazione e l’accoglienza, continuasse a puntare sul Mega DIGESTORE.

Serve lungimiranza e coerenza nelle scelte che si fanno, non si puo’ solo pensare alle risorse economiche che il Comune riceverà ,se accetterà di realizzare l’impianto, quale misura compensativa dei danni ambientali che tutta la comunità dovrà sopportare.


dal Comitato "No Jesi pattumiera delle Marche"




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-11-2018 alle 11:21 sul giornale del 22 novembre 2018 - 1776 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, jesi, comitato No Jesi pattumiera delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1Cl