Tragedia in discoteca, Pasca (SILB-FIPE): “Solidarietà alle famiglie, pugno duro con responsabili”

08/12/2018 - Tre giovanissime ragazze, due ragazzi e una madre che aveva accompagnato la figlia nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo.

Sono loro le sei vittime della tragedia, morte schiacciate dalla calca mentre stavano tentando di fuggire dal club, con tutta probabilità dopo che qualcuno aveva scatenato il panico con uno spray urticante. Le vittime sono Asia Nasoni, 14 anni, di Senigallia; Daniele Pongetti, 16 anni, di Senigallia; Benedetta Vitali, 15 anni, di Fano; Mattia Orlandi, 15 anni, di Frontone; Emma Fabini, 14 anni, di Senigallia; Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia. I nomi sono stati dati da Luigi Di Maio sui social network. “Il primo pensiero di tutti noi, esercenti di locali pubblici e cittadini va alle famiglie dei 6 ragazzi morti nella tragedia di Corinaldo e a tutti i feriti, vittime di questa notte di follia”. Si è espresso così Maurizio Pasca, Presidente di SIlb-Fipe, l’associazione che raccoglie le imprese di Intrattenimento da ballo e di spettacolo, appena appresa la notizia della tragedia.

“In questo momento non possiamo tacere – ha proseguito Pasca - sulle responsabilità all’origine di questo dramma: responsabilità individuali e che vanno ricercate e punite senza esitazioni. Da un lato, stando alle prime indiscrezioni, pare che all’origine del fuggi fuggi ci sia l’incoscienza di qualcuno che ha spruzzato gas urticante: costui va identificato al più presto. Al tempo stesso, se dovessero emergere irregolarità o negligenze nei sistemi di sicurezza, i titolari del locale dovranno assumersi le loro, pesantissime, responsabilità. E, per parte nostra, dichiariamo fin da ora che se ciò risultasse. Silb provvederà a espellere immediatamente i titolari dall’Associazione perché per noi la sicurezza viene prima di qualsiasi altra cosa”.






Questo è un articolo pubblicato il 08-12-2018 alle 12:46 sul giornale del 10 dicembre 2018 - 3786 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, daniele bartocci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2ef