Maiolati: apertura al traffico della nuova viabilità nell’area del raddoppio ferroviario

21/12/2018 - "Si chiude una vicenda che sembrava infinita”. Il grazie del sindaco Domizioli a Rfi, Italferr e Salcef.

Sono stati finalmente aperti al traffico, sia automobilistico che ciclopedonale, la nuova bretella a valle della ferrovia, il nuovo sottopasso di via Fiume, che collega le due parti di Moie separate dalla ferrovia, il nuovo sottopasso ciclopedonale, che prende il posto dell'ex passaggio a livello di via Torrette, e il nuovo tratto di pista ciclabile realizzati a Moie, vicino al corso del fiume Esino, nell’area interessata dai lavori del raddoppio ferroviario.

La nuova bretella a monte della ferrovia, quella che collegherà via Torrette, nel tratto che va dall’ex-passaggio a livello, a via fratelli Cervi, sarà consegnata al Comune, e quindi aperta al traffico, nelle prossime settimane. Nell’occasione verrà prevista anche una inaugurazione ufficiale della nuova viabilità.

“Si chiude un capitolo che sembrava infinito – dichiara il consigliere delegato alla Viabilità Giancarlo Carbini – iniziato nel lontano 2002 con l’aggiudicazione della gara di appalto per i lavori del raddoppio ferroviario nella tratta Stazione di Montecarotto - Stazione di Castelplanio da parte della Coopcostruttori. I lavori si sarebbero dovuti completare nel 2006 ma le difficoltà finanziarie della Coopcostruttori ne hanno comportato la sospensione nel 2003, con successiva risoluzione del contratto nel luglio 2005. Solo il 15 febbraio del 2012, a 10 anni esatti dopo la prima gara, il Consorzio Itaca si è aggiudicato la nuova gara di appalto e ha ripreso i lavori nell’agosto del 2012, affidandoli a Tuzi Costruzioni Generali. Anche la nuova ditta è andata incontro a difficoltà finanziarie e conseguenti traversie con l'inevitabile nuova sospensione dei lavori nel giugno 2014. Si è corso il rischio di una seconda risoluzione del contratto che avrebbe comportato un nuovo blocco per ulteriori 10 anni, ma una articolata trattativa ha portato la Salcef all’auspicata piena ripresa dei lavori ad ottobre 2015. Dopo quasi 17 anni, e tutta una serie di traversie e di disagi per i cittadini, i lavori sono finalmente completati e Moie, insieme a tutto il territorio limitrofo, cambia completamente volto”.

L’Amministrazione comunale, che ha per tutto questo tempo seguito i lavori e le tante vicende collegate, pur rammaricandosi per il protrarsi dei disagi causati in questi anni, non può che esprimere la propria soddisfazione per la conclusione di quello che, di fatto, è il più importante intervento mai realizzato sull’assetto del nostro territorio.

È consapevole allo stesso tempo che, inevitabilmente, in lavori di così grande rilevanza possono esserci particolari che potevano avere soluzione diversa e che comunque si apre una nuova fase di ulteriore grande attenzione perché la nuova viabilità entri nella vita quotidiana del territorio senza alterare equilibri o determinare nuovi e diversi disagi, ma contribuisca in maniera significativa al rilancio dello stesso territorio.

“Con l’occasione voglio ringraziare – dice il sindaco Umberto Domizioli - i tre soggetti che, nei rispettivi ruoli, hanno portato a termine sia il progetto di raddoppio che quello della viabilità locale. Questi sono Rfi, quale committente delle opere, Italferr, responsabile della progettazione e direzione lavori, e Salcef, quale ditta esecutrice. Il ringraziamento va fatto innanzitutto per aver portato a termine tutte le opere, superando molteplici difficoltà, e soprattutto per l’ottimo rapporto di collaborazione insturato sia con l’Amministrazione comunale che con la gran parte di cittadini e famiglie coinvolti”.

Ecco quanto prevede la nuova viabilità, appena entrata in vigore in virtù di un’ordinanza predisposta dal Comando della Polizia locale dell’Unione dei comuni della Media Vallesina.

È istituito l’obbligo di fermarsi e dare la precedenza all’intersezione fra via Fiume e via Torrette (tratto di nuova realizzazione) per i veicoli che transitano in via Fiume, con direzione via della Chiusa-via Torrette (punto 1 della planimetria); è istituito l’obbligo di dare la precedenza in via Torrette, all’intersezione con la Strada Provinciale 36 e via della Chiusa (nuova rotatoria), per i veicoli che transitano in via Torrette e si immettono in rotatoria (punto 2); è istituito il limite di velocità di 30 chilometri all’ora in via Torrette e via Fiume, in entrambe le direzioni di marcia. Ma non solo. È stata disposta l’apertura della viabilità pedonale e ciclabile all’interno del nuovo sottopasso realizzato in via Torrette al di sotto del rilevato ferroviario (punto 3).

È istituito, inoltre, un nuovo tratto di pista ciclabile in via Torrette, a doppio senso di circolazione, dal nuovo sottopasso pedonale-ciclabile alla nuova rotatoria con la Strada Provinciale 36 e via della Chiusa, con attraversamento ciclabile in via Torrette ed immissione in via della Chiusa e viceversa, nei pressi della nuova rotatoria, con relativa segnaletica verticale ed orizzontale (punto 4).

Sempre in via Torrette, nel tratto compreso fra il sottopasso pedonale e ciclabile e la nuova rotatoria con la Provinciale 36 e via della Chiusa, è istituito un attraversamento pedonale con relativa segnaletica verticale ed orizzontale (punto 5). Nel nuovo tratto viario - in via Torrette, all’intersezione con la Provinciale 36 (nuova rotatoria), per i veicoli in transito sulla Provinciale 36 che intendono immettersi in via Torrette con direzione via Fiume (punto 6) – è istituito il divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, con eccezione degli autorizzati.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-12-2018 alle 17:07 sul giornale del 22 dicembre 2018 - 1459 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2J6