Aiuto e Solidarietà, nata una onlus a sostegno di attività e famiglie

27/12/2018 - Intervista al presidente del nuovo gruppo che ha già aiutato quasi 30 imprese del territorio e salvato posti di lavoro.

Il gruppo Aiuto e Solidarietà nasce il 15 gennaio 2015. Si tratta di una onlus fortemente voluta dal suo Presidente, Massimiliano Lucaboni. Francesco Paccusse è socio e tesoriere.

Perché creare questa onlus? "L'idea era e resta quella di aiutare le piccole e medie imprese del territorio in maniera concreta, anche attraverso l'intervento di Confidi, che permette di superare ostacoli che troppo spesso le banche non consentono di passare".

Tramite l'antiusura, il mediocredito, si riesce alle volte dove altrove sembra impossibile - afferma Lucaboni - Questo è il nostro compito, questo quello che cerchiamo di fare.

I numeri del gruppo sono già soddisfacenti. "Ad oggi delle 40 imprese che a noi si sono rivolte, siamo riusciti ad intervenire in ben 29 casi, salvando praticamente quasi 350 posti lavoro... consentendo insomma alla gente di portare il pane quotidiano sulla tavola, e questo mi permetto di dire non è poco!"

Quali altri obiettivi si è posto, Presidente? "Per il futuro abbiamo intenzione di continuare su questa strada. La nostra è una onlus che vive di donazioni come il 5 x 1000, quindi nessun lucro, solo aiuto al territorio, ad imprenditori e lavoratori, ed alle famiglie. Questo è e questo sarà lo scopo del gruppo Aiuto e Solidarietà.

Il gruppo tra l'altro ha una forma di adesivo ed è molto originale. "Nessuna tessera, nessun costo, solo adesioni on line. Basta mettere un "mi piace" convinto e motivato sulla nostra pagina Fb (Clicca Qui) e si diventa aderenti o soci virtuali del gruppo", precisa Lucaboni. Ad oggi la pagina conta quasi 800 iscritti locali e fuori. "Grazie a tutti ovviamente per il sostegno datoci, siamo a disposizione di chiunque voglia chiedere informazioni e ovviamente un aiuto concreto!".






Questo è un articolo pubblicato il 27-12-2018 alle 18:36 sul giornale del 28 dicembre 2018 - 3583 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2QJ