Calcio: la Jesina inizia il girone di ritorno con una prova convincente

06/01/2019 - Dopo la lunga sosta natalizia, la Jesina è tornata in campo per l’inizio del girone di ritorno, ospitando la Recanatese al Carotti.

Nonostante le pessime condizioni del campo che non hanno certo favorito il bel gioco, limitando forse ppiù la Recanatese, è stata una bella partita giocata a viso aperto dalle due squadre, in un clima di sano agonismo.

Si è subito capito che la Recanatese è salita a Jesi per i tre punti e già nella prima metà del primo tempo, è salita in cattedra, soprattutto grazie alle giocate dell’ex Borrelli. Per fortuna della Jesina la squadra ospite si è dimostrata inconsistente in prima linea.

Poi con il passare dei minuti la Jesina, con tanta pazienza, senza strafare, è riuscita a organizzarsi, riuscendo a concedere il minimo sindacale all’avversaria.

Il primo tentativo della partita è della Recanatese, al 14’; Olivieri si aggiusta bene la palla e scaglia un fendente dal limite. Anconetani blocca senza particolari rischi.

Al 15’ azione fotocopia, ma della Jesina. Il tiro è di Riccio, blocca Sprecacè.

Jesina ancora pericolosa al 29’. Trudo ruba palla a Borrelli, cross dal fondo, Cruz in acrobazia non inquadra la porta.

Al 37’ ci prova Cameruccio: staffilata da 20 metri, la palla finisce sul fondo.

La ripresa inizia con una occasione per la Jesina al 4’: sul calcio di punizione di Bordo, svetta Riccio, che di testa sfiora il palo sinistro.

Unica occasione per la squadra ospite al 12’, ma la Recanatese arriva davvero vicina al vantaggio. Lampo di Pera il cui tiro colpisce la parte alta della traversa.

Al 19’ azione personale di Trudo, cross per la testa di Cruz, che fa la barba al palo sinistro.

Ciampelli decide che è arrivato il momento per l’esordio di Villanova, mandato in campo al 27’ del secondo tempo e proprio dai suoi piedi nascono le ultime due occasioni per la sua squadra: al 44’ colpisce al volo su respinta corta della difesa, mandando di un mezzo metro a lato, al 47’ lascia partire un rasoterra insidioso, bloccato a terra da Sprecacè.

La partita si chiude tra le proteste della squadra di casa, per una caduta di Bubalo in area ospite, al 47’, dopo un contatto con Nodari. Il direttore di gara interviene, ma soltanto per estrarre il cartellino giallo per ammonire l’attaccante jesino.

JESINA-RECANATESE 0-0

Jesina: Anconetani, Martedì, Pasqualini, Marini, Riccio, Bordo, Trudo (27’ st Villanova), Yabrè, Cruz (34’ st Bubalo), Ricci (27’ st Fracassini), Cameruccio (42’ st Matinata). All.: Ciampelli.

Recanatese: Sprecacè, Dodi (27’ st Gambacorta), Monti (23’st Rinaldi), Lunardini, Nodari, Marchetti, Pera, Borrelli, Sivilla (40’ st Palmieri), Olivieri (33’ st Raparo), Giaccaglia (21’ st Sopranzetti). All.: Alessandrini

Arbitro: Rinaldi di Bassano del Grappa

Ammoniti: 27’ pt Monti, 17’ st Cameruccio, 29’ st Olivieri, 48’ st Bubalo

Spettatori: 600 circa

Calci d’angolo: 1-2






Questo è un articolo pubblicato il 06-01-2019 alle 18:31 sul giornale del 07 gennaio 2019 - 1553 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo, giancarlo esposto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a23s