‘No Tax Zone’, Confartigianato: "Iniziativa positiva, chi fa impresa va sostenuto"

1' di lettura 23/01/2019 - Bene la ‘no tax zone’ a Jesi. La Confartigianato esprime un giudizio positivo sulla riproposizione della misura da parte dell’Amministrazione comunale.

In un contesto come quello attuale, in cui è davvero difficile fare impresa, ben venga ogni forma di intervento atto a sostenere l’apertura di nuove attività – commenta Giuseppe Carancini responsabile dell’ufficio di Jesi della Confartigianato.

Pressione fiscale, burocrazia, difficoltà di accesso al credito sono alcuni tra gli elementi che scoraggiano l’iniziativa imprenditoriale e aprire una attività spesso è rischioso, tanto più quando si tenta di farlo all’interno di un centro cittadino.

Per far nascere una impresa, oltre a tanta passione, servono infatti risorse concrete. Riteniamo pertanto che questa misura, che sostiene le neoimprese, vada nella giusta direzione e apprezziamo che sia stata riproposta a conferma di una volontà di incentivare l’imprenditoria.

Nonostante lo scenario sia ancora complesso, infatti ci sono molti, soprattutto giovani, con tante idee e progetti innovativi, che vogliono mettersi in proprio – dichiara Giuseppe Carancini della Confartigianato - lo abbiamo riscontrato nei diversi incontri che abbiamo svolto sul territorio.

Proprio per favorire la creazione e lo sviluppo di nuove attività, solide e competitive, nel settore dell'artigianato e della micro e piccola impresa è attivo il servizio ‘Fare Impresa’ presso tutti i nostri uffici, punto di riferimento per chi progetta di aprire una attività o ha aperto da poco.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2019 alle 09:45 sul giornale del 24 gennaio 2019 - 483 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3xr