Lotta all'immigrazione clandestina, giro di vite dei Carabinieri

carabinieri 28/01/2019 - Sono 50 i militari del Comando Provinciale dei Carabinieri che hanno preso parte alle operazioni straordinarie di controllo del territorio in questi giorni, al fine di individuare e contrastare l'immigrazione clandestina.

Venerdì 25 gennaio sono stati controllati tantissimi phone centre, call centre e internet point sparsi nella zona. Ma anche i Money transfer, proprio per cercare movimenti di denaro sospetti. Passati al setaccio anche i luoghi di aggregazione cittadini, le stazioni ferroviarie e le linee del trasporto pubblico.

Tra le tantissime persone controllate, in tutto 276 insieme a 30 punti sensibilim, a Jesi è stato individuato un libanese che deve scontare una pena di 11 mesi di carcere per furto in abitazione. Inoltre è stato anche trovato in possesso di 3 grammi di cocaina, suddivisi in dosi, 0,28 grammi di hashish e sostanza per il taglio.

Durante i controlli sono finiti nella rete dei carabinieri anche un marocchino e un nigeriano: il primo aveva con sè una cartuccia da caccia detenuta illegalmente, al secondo era scaduto il permesso di soggiorno.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 28-01-2019 alle 16:42 sul giornale del 29 gennaio 2019 - 1878 letture

In questo articolo si parla di carabinieri, jesi, immigrazione clandestina, cristina carnevali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3Iw





logoEV