Lega: "Codice Rosso per dire basta alla violenza sulle donne"

1' di lettura 14/02/2019 - Inquietante è prendere atto che, solo a Jesi, nel 2018 ben 38 donne, hanno avuto la forza e il coraggio di rivolgersi allo Sportello Antiviolenza per denunciare gli abusi subiti dai propri compagni.

Poco importa se italiane, straniere, cattoliche, ortodosse, mussulmane, ricche o povere, la violenza non deve mai restare impunita. Ancora più inquietante è sapere che la maggior parte neanche denuncia, perché la giustizia è così lenta che spesso si aggrava la situazione passando da violenza a femminicidio.

Perciò ci preme portare a conoscenza della proposta di legge del Ministro Giulia Bongiorno, denominata appunto CODICE ROSSO, che imporrebbe ai magistrati di ascoltare la vittima entro tre giorni dalla violenza. Dopo la Lega di Matteo Salvini, tutti i partiti, all’unanimità, l’hanno sottoscritta. Manca veramente poco per dare alle donne una risposta concreta, affinchè da donne maltrattate non diventino vittime da piangere.

Siamo sempre vicini a tutte coloro che sono soggette a abusi, ringraziamo le volontarie dello Sportello Antiviolenza per il lavoro che svolgono. In attesa che la proposta diventi legge, che non deve avere colore politico ma che ha unito la politica in questo frangente, invitiamo tutte le vittime a uscire dal complesso di colpa e dalla paura che impedisce di denunciare chi non le rispetta.


dalla Lega per Salvini
Coordinamento Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-02-2019 alle 10:19 sul giornale del 15 febbraio 2019 - 1307 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, lega per salvini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a4hp





logoEV