Calcio: Filottranese, bilancio del settore giovanile

18/04/2019 - Un anno di attività giovanile. Giuliodori: "Tanta soddisfazione. Importante dare continui stimoli".

Successi e tante soddisfazioni in questo anno per il settore giovanile della Filottranese calcio. Un gruppo di oltre 200 giocatori che spazia dai Piccoli amici ai ragazzi della Juniores pronti per il salto in prima squadra. “L'importante non è tanto basarsi sulla positività o sulla negatività dei risultati – spiega il responsabile del settore giovanile nonché allenatore della prima squadra, Marco Giuliodori – quanto piuttosto insegnare l'educazione, il rispetto e ovviamente il divertimento”. “È fondamentale quindi far crescere i giovani calciatori con sani principi. E su questo possiamo ritenerci soddisfatti”, prosegue mister Giuliodori. L'anno del settore giovanile ha visto numeri in crescita e tanti nuovi progetti sul campo, dall'avvicinamento ad altre discipline agli incontri specifici con dietologi o mental coach. Si parte dalle classi 2010/2011/2012 che iniziano fin da piccolissimi con il gruppo dei Piccoli amici e dei Primi calci. “Sono 40 bambini – spiega mister Giuliodori – Fanno due allenamenti a settimana e sono seguiti da tre istruttori e da un coordinatore motorio”. Possibile un allenamento aggiuntivo e facoltativo per far approcciare i piccolini anche ad altre discipline, come la ginnastica artistica o il nuoto. “Un qualcosa in più che abbiamo voluto aggiungere quattro anni fa e a cui ogni anno partecipano moltissimi bambini. Sicuramente lo riproporremo il prossimo anno”, assicura Marco Giuliodori. Segue il gruppo dei Pulcini, che hanno tra i 10 e i 9 anni. Gli allenamenti salgono a tre a settimana e a guidare il gruppo, formato da una circa 35 ragazzi, sono tre allenatori.

Non si allenano ancora al livello agonistico ma quest'anno parteciperanno a due o tre tornei. Il prossimo anno poi, i 2008 saranno allenati anche da alcuni tecnici direttamente dall'Inter a cui siamo affiliati”, spiega mister Giuliodori. Annata fondamentale per il settore giovanile è poi quella degli Esordienti, i ragazzi cioè classe 2007/2006. “Sono circa 37 bambini. Finiscono qui l'attività di base e cominciano quella agonistica”, dice il responsabile del settore giovanile. Proprio i calciatori di questo gruppo, classe 2006, parteciperanno al consueto torneo di Pasqua che ogni anno vede arrivare a Filottrano giovani da tutte le Marche. “Quest'anno parteciperemo come 'detentori', avendo vinto il premio lo scorso anno. E anche questo ci rende molto orgogliosi”, spiega mister Giuliodori.

Si prosegue poi con la categoria Giovanissimi. Classe 2004/2005, i ragazzi hanno affrontato quest'anno il settore dell'agonismo. “Sono circa 35 calciatori e abbiamo deciso di dividerli in due squadre – spiega mister Giuliodori – Con la principale abbiamo vinto la fase provinciale e stiamo svolgendo la regionale. Ma in generale anche con gli altri cadetti stiamo affrontando un bel campionato. Fondamentale questo periodo per la crescita dei ragazzi dal punto di vista calcistico”.

A seguire invece gli Allievi, classe 2002 e 2003, ci sono un allenatore e un preparatore atletico. Si entra già nel vivo dell'agonismo e, in assenza di giocatori, in molti hanno partecipato durante l'anno già alle partite della Juniores. “Proprio l'ultimo settore della giovanile, la Juniores, ha affrontato quest'anno un discreto campionato – racconta mister Giuliodori – hanno tra i 18 e i 19 anni e spesso abbiamo avuto problemi numerici perché alcuni venivano già chiamati a giocare con la prima squadra”.

L'anno si chiude quindi con grande soddisfazione anche se non bisogna dimenticare, specifica il responsabile, che non bisogna mai accontentarsi. “I giovani hanno moltissime esigenze – conclude Marco Giuliodori – Per questo bisogna dar loro continui stimoli. Crescendoli e mettendoli di fronte a realtà sempre nuove”.

L'appuntamento con la Filottranese però non si chiude oggi. Pronto già per quest'estate il centro estivo che sarà disponibile dal primo al 26 luglio per cinque giorni a settimana. Un camp dedicato a tesserati e non, dai sei ai 14 anni, durante il quale i ragazzi potranno affrontare nuovi aspetti non solo del gioco calcio ma di tutto il mondo sportivo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-04-2019 alle 14:49 sul giornale del 19 aprile 2019 - 333 letture

In questo articolo si parla di sport, filottranese

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6Ev