Jesi in Rima: scenetta dialettale, "Le poltrone de velludo.."

3' di lettura 20/05/2019 - Buona lettura con il nuovo appuntamento della rubrica Jesi in Rima a cura della scrittrice e poetessa jesina Marinella Cimarelli: "Le poltrone de velludo"..

Gino: Oh porco diaòlo, te si' ccorto qu c'è al palazzo dei Convegni?

Dario: no, è parecchio che non ce capido, perchè, que c'è?

Gino: cazzarola, tutte le poltrone nòve al posto de le sedie scommode che c'era prima, ade' pare 'n Teatro, me pijasse 'n colpo sci' n'è vero! Gna' che ce gimo al più presto, vie' con me che stasera presenta du' candidadi all'elezioni europee...daje gimo! Gimo, gimo, vòjo proprio metteme commodo

Dario: ade' sta zitto che discore, sta' brutto sci' parlamo....zitto

Gino: Io sto zitto ma chi' è na' cosa figa muntobeè....ammazzade che lusso, me pare de sta' al Teatro Moriconi! Te parea che te diceo le cojionade? Visto che lusso? Que me dighi ade'?

Dario: non c'ho parole, fiji mia che figada! ma te da quanno te si' dedigado a la polidiga?

Gino: Non è che fo proprio polidiga, collaboro coi progetti pe' jesi che me sta' a còre, capisci?

Dario: Ambeè, capiscio eccome, allora servi a qualchicco' pure te, non discori solo!

Gino : E que pensavi, che ero un magnauffa e basta? Io sci' vòjo me 'mpegno pe' la città, visto che ce campo da quanno so' nado!

Dario: ammazzade quanti personaggi stasera, eppò me spiega Federigo Secondo Imperatore, finalmente el capiscio bembe' perchè digo la verida' non è facile....fino ade' solo 'l sentido a di' in giro ma non è approfondido come oggi, me piace!

Gino: so' contento che te piace eppo' nte' ste poltrone fiji cari se sciala, stai a senti' de gusto, non te perdi na' parola.... Ampo' è rivada pure la Tv, ade' ce fa la ripresa, me rcomanno sta' serio scinno' vienghi fòri co' la faccia de 'n ciambotto!

Dario: Gino mia, ormai la faccia che c'ho c'ho e me la tiengo, non ce posso fa' nie', ha da pija' qualche vie'....

Gino: datte 'n contegno, sta' dritto, sta' attenti e non te distrae somaro, guarda che affondadi nte' ste' belle e poltrone non ce se sbajia, se sta' rilassadi de siguro!

Dario: ade' non me ne perdo una, ce vòjo venì a tutti l'eventi, sci' sci'....non me ne vòjo perde mango uno, brao che me c'hai portado, me gusta muntobe' , me sento 'n Signore...

Ndo' sta 'l Sindaco nostro, el vòjo ringrazia'! Gino: c'ha troppo da fa' sto periodo, inudile che 'l cerchi, rassegnede, sci' non è urgente lassa perde....

Dario: io lasso perde ma lu' ce l'ha da sape' che sto Palazzo dei Convegni, attrezzado come 'n salotto è bello muntobe', gna' che jel digo...

Gino; el vie' a sape' de siguro, sta' tranquillo perchè lu' è sempre vicino ai cittadini, non ne perde una, anzi saludelo, approfitta...

Dario: Sindaco grazie, le poltrone m'è piaciude na' mucchia, pure la poetessa ringrazia, el culo je ce cape giusto giusto, è contenta, accuci' sta a ttenti a no' ngrassasse scinno' sfòra....Va be' cusci'....deve mantenesse de peso o mejo, avria da cala' ....va be'...va be'....na' misura ce la volea pure!!!! Grazie ! chi ha fatto sto' be' ne facesse altrettanto!






Questo è un articolo pubblicato il 20-05-2019 alle 12:06 sul giornale del 21 maggio 2019 - 1962 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7GF

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV