Jesi in Rima: "La vendegna"

1' di lettura 06/09/2019 - E' periodo di vendemmia, e Marinella Cimarelli propone in rima i ricordi d'infanzia, con la nuova poesia "La Vendegna". Buona lettura!


Qualche ricordo è l'acini d'uva
che cicci e maturi schiattava
a pacca',
non era siguro le balle del gra'
e mango le stoppie
o polvere e pula...
Me dicea babbo ch'era Fattore
"salta Marinella che je fa be"
e capirede didelo a me,
ce saltellavo sopra le ore.
Dendro a quel tino più alto de me
el cuntadi' buttava li grappoli
e me dicea "bràa che spappoli
ce vòlea solo una come te!"
Tutti d'attorno se dava da fa'
staccava i raspi dall'acinelli
i tralci de vite corposi e belli
venìa buttadi de qua e de la'.
Oggi nisciuno fa più la vendegna
come ai quei tempi, s'è meccanizzadi,
però i ricordi io me l'ho 'mpressionadi
e sogno che giogo tra i filari de vigna!






Questo è un articolo pubblicato il 06-09-2019 alle 10:22 sul giornale del 07 settembre 2019 - 1346 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bahw

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima