Scomparsa di Berto, storico barista dei giardini: la dedica di Jesi in Rima

1' di lettura 21/09/2019 - La scomparsa di BERTO, figura rappresentativa del Bar dei Giardini Pubblici, fa riflettere ancora una volta sulla perdita di 'pezzi' di STORIA che hanno caratterizzato la nostra città. Anni ed anni, insieme a sua moglie Mirella, ha condotto questo Esercizio in maniera infaticabile, dedicandosi a servire giovani, anziani e bambini di tutte le età. Sempre col sorriso sulle labbra, savoir faire e gentilezza, serviva al pubblico in modo impeccabile dimostrando grande empatia e senso dell'umorismo in ogni circostanza. Berto, la tua Jesi oggi ti saluta, e che Dio ti ricompensi per tutto ciò che hai saputo dare. (Marinella Cimarelli)

Rivedo a Berto

ntel Bar dei Giardini

tra i gioghi dei munelli

e l'ombra dei pini,

i pomeriggi d'estade

col cielo assolado

e l caldo opprimente...

fortuna 'l gelado!

La bibita fresca,

'n po' de granida,

la Coca, la spuma

e qualche battuda:

"Chi va co' lo zoppo"

dicea "Va piano"

ridea l giuinotto

e pure l'anziano,

"Tra moje e marido

preferiscio la moje".

Oh porca paletta

la tristezza me còje

quando che penso

che non c'è più,

chissà que farà

ade' ch'è lassù?

San Pièdro 'n Baretto

je l'avrà preparado

perchè ntel mestiere

lu' era ferrado,

senza quel Chiosco

non cel so' vede,

e quelli de nua'

che c'ha 'n po' de fede

non se disperasse,

è gido a sta' be',

non paga le tasse

non sa mango que è!






Questo è un articolo pubblicato il 21-09-2019 alle 18:11 sul giornale del 23 settembre 2019 - 2483 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baQS





logoEV