Presidio in CNH, Rifondazione: "Continua l’impegno per i diritti del lavoro"

1' di lettura 05/12/2019 - Ieri ai cancelli della CNH di Jesi, a pochi giorni dal preoccupato monito dei delegati Fiom sul futuro del gruppo, oggi ai cantieri Navali d Ancona per incontrare quel lavoro che accanto alla fascia garantita è segnato dalla precarietà e dal caporalato, domani ai centri dell’ impiego, girone infernale dei condannati alla disoccupazione.

Rifondazione Comunista ha iniziato la sua settimana di mobilitazione per i diritti dei lavoratori. Uno sforzo che ci permette di capire e domandare e, insieme, ricordare le nostre proposte, dalla cancellazione della Fornero per l’età di pensione a 62 anni, alla patrimoniale sulle grandi ricchezze per finanziare un grande piano del lavoro che cominci dalla ricostruzione nelle zone terremotate e dalla messa in sicurezza del territorio.

Sappiamo che il nostro impegno non basta, sappiamo che c’è voglia di mobilitazione, come testimoniano le piazze piene del movimento delle “sardine”.

Saremo anche in quelle piazze a portare il racconto di questo viaggio perché siamo convinti che quell’ energia può contribuire a riaprire una stagione di lotta capace di riconquistare il maltolto ai lavoratori e pensare quell’ alternativa sociale alla barbarie del tempo presente.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2019 alle 13:28 sul giornale del 06 dicembre 2019 - 813 letture

In questo articolo si parla di attualità, prc jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bdGA





logoEV