Jesi in Comune: "In una città regia mai mettersi contro il re"

Jesi in Comune 2' di lettura 17/01/2020 - Dalle giustificazioni imbarazzate balbettate dal Sindaco si comprende soltanto che la Lenti è stata cacciata dal capo per insubordinazione.

Ma si vede bene pure che c’è stata una resa dei conti in Giunta. Di fronte all’inevitabile guerra strisciante in una maggioranza tenuta insieme molto dalla necessità di accontentare piccole e grandi botteghe prima o poi doveva succedere.

Ma si dà il caso che il capro espiatorio coincida esattamente con il maggior azionista dell''azienda in termini di preferenze. E coincida con l’assessorato e la referente dell’area che aveva in appalto la partecipazione, dallo Statuto in avanti.

Il che certifica un sostanziale fallimento: se ci fosse un un po' più di autentica politica in questa amministrazione la riflessione dovrebbe virare dritta dritta sulla parola dimissioni. Ma sappiamo che il Sindaco si è sempre fatto vanto di schifare l’arte del governo della società, preferendo soffermarsi, autoreferenzialmente, sull’esaltazione a parole del fare e dei conti in ordine. Ora nemmeno più di quelli, visto che negli ultimi mesi a livello di debito abbiamo recuperato tutto quanto non era stato fatto in precedenza, senza contare i vari impegni per i finti project financing (piscina, casa di riposo e via discorrendo…).

La defenestrazione della Lenti, quindi, non è altro che il certificato di un ulteriore fallimento di un’amministrazione solo in apparenza monolitica, ma in realtà imprigionata tra personalismi e piccoli interessi, a spese di una città che ha soprattutto fatto i conti con vecchi progetti, andando avanti per inerzia, accumulando qualche soddisfazione, a volte taroccata, ma soprattutto ritardi o talvolta arretramenti per quel che riguarda opere pubbliche, vitalità economica e produttiva, efficienza della macchina pubblica, attrattività….

Probabilmente non è fatto davvero nulla sulla partecipazione vera, a partire dai consigli di quartiere, perché c'è un evidente difficoltà tra le fila della maggioranza. Certo è che in una "città regia" è bene non mettersi contro il re.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-01-2020 alle 19:35 sul giornale del 18 gennaio 2020 - 1362 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, jesi in comune, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfbn





logoEV