Sgominata banda di spacciatori di eroina, destinata anche all'anconetano e alla Vallesina

2' di lettura 14/02/2020 - Indagini e arresti operati nell'anconetano e nel maceratese dal NORM di Jesi e dai colleghi del posto.

Sono state eseguite delle ordinanze di misure cautelari emesse dal G.I.P. del Tribunale di Macerata - su richiesta della locale Procura - nei confronti di quattro persone, gravemente indiziate di svolgere spaccio continuato di eroina. Si tratta di un cittadino pakistano, sottoposto alla custodia cautelare in carcere, altri due connazionali agli arresti domiciliari, mentre una donna italiana all’obbligo di dimora.

Le indagini, avviate nel mese di ottobre 2018 dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Jesi, sotto la direzione del Dott. Enrico Riccioni della Procura di Macerata, hanno consentito di ricostruire l'attività di spaccio di eroina destinata alle zone dell'anconetano e del maceratese.
La droga, proveniente principalmente dal Lazio, giungeva sul mercato marchigiano attraverso corrieri che viaggiavano su treni o in auto. L'asse dello spaccio ricostruito dalle indagini va da Roma a Porto Recanati. Mensilmente venivano trasportati grossi quantitativi di droga, la base dello spaccio era l'Hotel House di Porto Recanati, da dove il gruppo criminale pakistano smistava lo stupefacente attraverso numerosi pusher che a loro volta lo immettevano nel mercato maceratese, anconetano e della Vallesina.

Nel corso dell’articolata attività investigativa numerosi sono stati i riscontri che hanno portato complessivamente all’arresto in flagranza di reato di 5 soggetti di origine pakistana, alla denuncia in stato di libertà di 4 persone e al sequestro di oltre 1.600 grammi di eroina per un valore commerciale di €.80.000,00 circa.

In particolare il 18 ottobre 2018, ad Ancona, presso la stazione ferroviaria, venivano fermati e controllati due uomini di origine pakistana domiciliati a Napoli che venivano trovati in possesso di grammi 760 di eroina; il 17 febbraio 2019, a Porto Recanati, venivano fermati e controllati due uomini di origine pakistana domiciliati presso l’Hotel House che venivano trovati in possesso di grammi 543 di eroina e l'11 marzo 2019, a Porto Recanati, veniva fermato un uomo di origine pakistana domiciliato presso l’Hotel House, in possesso di 300 grammi di eroina.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 14-02-2020 alle 15:48 sul giornale del 15 febbraio 2020 - 1160 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, jesi, spaccio, eroina, hotel house, pakistani, cristina carnevali, articolo, norm di jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgiH





logoEV