"Le stanze del lupo", l'autore incontra gli alunni della scuola Leopardi

3' di lettura 22/02/2020 - Le classi terze delle scuole secondarie di primo grado dell’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani” di Jesi incontrano Gabriele Clima, autore del romanzo “La stanza del lupo".

Le classi terze della Scuola Secondaria di primo grado “G. Leopardi” di Jesi hanno incontrato giovedì 20 febbraio Gabriele Clima, un importante autore di romanzi per ragazzi, come “Il sole fra le dita”, vincitore del premio Andersen 2017, o “Black boys” appena pubblicato. Nelle scorse settimane, con le loro insegnanti di Lettere, gli alunni hanno letto in classe il suo romanzo “La stanza del lupo” e hanno atteso pazientemente questa giornata per porre a Clima domande sulla genesi della storia, sui personaggi, ma soprattutto hanno dato prova della loro profonda sensibilità.

Dopo i saluti di apertura del Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Carlo Urbani, Gilberto Rossi, che ha sostenuto l’incontro, lo scrittore è stato accolto con la lettura di passi del libro, accompagnata da brani musicali eseguiti da alcuni studenti dell’orchestra della scuola; piccoli artisti hanno nel frattempo riprodotto su alcuni pannelli le scene oggetto della lettura. La conversazione tra gli alunni e lo scrittore è stata animata dalle riflessioni sulla storia di Nico, il protagonista del romanzo, un sedicenne con la passione per il disegno e alle prese con la sua rabbia difficile da gestire, che gli ha causato non pochi problemi sia con i coetanei che con gli adulti. Per i giovani lettori è stato facile farsi coinvolgere da Nico, immedesimarsi in lui e condividerne le emozioni, ma anche lasciarsi incuriosire dai suoi passanuvole o passatelle con Claudia, perché Nico è in ognuno di loro e la rabbia, che Clima identifica nella sua storia con la figura di un lupo - l’animale per tradizione selvaggio e feroce – è l’emozione che principalmente accomuna gli adolescenti. Non solo la rabbia. I ragazzi sono riusciti a indagare tanti altri stati d’animo che vivono quotidianamente e con cui si confrontano in modo silenzioso o, a volte, provocatorio. Gli hanno dato un nome: Ansia, Paura, Dolore, Timidezza, solo per citarne alcune; le hanno descritte attraverso disegni e parole fino a rappresentarle sulle magliette bianche che hanno stampato con l’insegnante di arte e che con orgoglio hanno indossato a conclusione di una mattinata all’insegna dell’emozione per tutti. Gabriele Clima, prima di recarsi a Santa Maria Nuova per proseguire con gli studenti del plesso “B. Croce”, ha ripetutamente ringraziato i ragazzi della Scuola Leopardi per la loro attiva partecipazione e li ha salutati rivolgendo loro l’invito a vivere profondamente la vita e a non temere il confronto con gli altri.

All’incontro, che si è tenuto a Jesi nell’Aula Magna del Liceo Scientifico “L. Da Vinci” gentilmente messa a disposizione dalla Dirigente Scolastica, Fabiola Fabbri, ha partecipato anche una rappresentanza dei genitori degli alunni.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2020 alle 14:40 sul giornale del 24 febbraio 2020 - 693 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgBq





logoEV
logoEV