Servizi sociosanitari diurni e residenziali: i cambiamenti necessari

1' di lettura 27/02/2020 - Oltre 1100 le firme della petizione promossa dal Gruppo Solidarietà.

E’ “giusto” che in servizi per la disabilità intellettiva non siano previsti standard educativi? Che in Centro diurno anziani, demenze, salute mentale si possano prevedere chiusure fino a 3 mesi; che si possano mantenere stanze a quattro letti nei servizi per la salute mentale, disabilità, anziani non autosufficienti? Che il modello sia quello di “moduli da 20”, accorpati con altri (multimodularità)?

Questi e altri aspetti chiediamo vengano modificati nella proposta della giunta regionale che a breve verrà approvata in via definitiva.

Per modificare questa proposta oltre 1100 persone hanno firmato in pochi mesi la PETIZIONE (che può essere ancora sottoscritta) promossa dal Gruppo Solidarietà. Tanti materiali e approfondimenti per capire i contenuti della proposta regionale e perché è necessario cambiarla, sul sito del Gruppo.



...

...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-02-2020 alle 11:03 sul giornale del 28 febbraio 2020 - 607 letture

In questo articolo si parla di attualità, Gruppo Solidarietà, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgPk





logoEV