Coronavirus, attive sul territorio le task force per l'assistenza domiciliare

3' di lettura 07/04/2020 - Sono attive sul territorio marchigiano le Unità speciali per la continuità assistenziale (USCA), che effettuano i controlli domiciliari dei malati o sospetti contagiati di Covid-19 e, ove necessario, i tamponi per la verifica della positività al virus.

Le squadre vengono attivate dai medici di medicina generale, dai pediatri di libera scelta o dalla guardia medica e non dai singoli cittadini, che devono continuare a rivolgersi a questi ultimi in caso di necessità, o chiamare il 118 in caso di condizioni particolarmente critiche proprie o dei propri familiari.

Queste Unità garantiscono la presa in carico dei pazienti sintomatici o sospetti che non richiedono ricovero ospedaliero ma che hanno necessità di essere monitorati. Le stesse Unità dovranno effettuare anche tamponi domiciliari dei pazienti sintomatici. Equipaggiate con i dispositivi di sicurezza individuali idonei, consentono interventi precoci, riducendo i tempi di attesa per tamponi e interventi assistenziali e prevenendo, ove possibile, l'acuirsi della malattia, riducendo, in questo modo, eventuali necessità di ricovero.

“Con l’evolversi della situazione, la macchina organizzativa sanitaria implementa e integra le soluzioni operative più appropriate – spiega il presidente Luca Ceriscioli – e in questo senso l’attività delle Usca è fondamentale in quanto ci consente, in questa fase, di ottimizzare i nostri interventi, restituendo anche sicurezza e serenità ai pazienti che possono essere seguiti a casa, ma che hanno bisogno di essere monitorati e supportati dalle squadre sanitarie. Dal punto di vista dei tamponi, questa soluzione, integrata con la modalità drive through e con i test sierologici, in partenza in questi giorni, ci consente di essere più incisivi nei prelievi, sempre compatibilmente con la disponibilità dei reagenti”.

Ogni task force è operativa 7 giorni su 7 dalle 8 alle 20, è composta da almeno due operatori (due medici o un medico e un infermiere), coordinata da un medico di medicina generale senior, convenzionato da più di dieci anni e supportata da un pediatra di libera scelta con disponibilità telefonica.

Le Aree Vaste e i distretti stanno implementando le squadre. Al momento sono operative 17 Task force nella regione, ma l’organizzazione è in fase di implementazione.

Una sezione del sito della Regione è dedicata all’attività delle squadre Usca ed è consultabile all’indirizzo: http://www.regione.marche.it/USCA

Ecco i medici coordinatori e lo staff di Jesi, distretto 9 USCA; Chiaravalle invece rientra nel distretto 7 insieme a Montemarciano e Falconara.

MEDICI coordinatori

Bandini Fausto
Beccaceci Raffaela
Borioni Bruno
Branchesi Patrizia
Brecciaroli Mauro
Brocani Paola
Cherubini Guglielmo
Cristofanelli Palmina
Limiti Lucia
Montecchiesi Enrico
Pacetti Maria Gabriella
Panfoli Claudio
Pergola Massimo
Pierucci Pierfrancesco
Pimpini Brunella
Sebastianelli Giuliano
Senesi Giorgio
Starna Domenico
Vignetti Giovanni

STAFF

Barigelli Mattia
Bordoni Federico
Borioni Bruno
Brugiaferri Luca
Ceccarelli Gabriele
Cherubini Guglielmo
Ciattaglia Giulia
Dominguez Cristina
Esposto Alice
Leoni Giulia
Limiti Lucia
Rosa Martina
Ruggeri Barbara
Sebastianelli Giuliano
Tomassetti Elena

Chiaravalle
Falconara
Montemarciano
Distretto DS7

STAFF

Bartocci Luca
Borrelli Giulia
Brega Silvia
Cardinali Federica
Di Biase Donato
Ficosecco Marta
Florenil Melania
Fulvi Paola
Galassi Saràh
Giglioli Gianluca
Mancioli Giulia
Pacini Chiara
Paolorossi Giulia
Pelliccioni Michele
Perli Guido
Rossini Lorenzo
Taimmi Serena






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-04-2020 alle 16:05 sul giornale del 08 aprile 2020 - 522 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, chiaravalle, jesi, comunicato stampa, usca

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bjbW