Marguccio (PD) chiede "un'unica sede provvisoria per la Scuola Martiri della Libertà"

2' di lettura 10/07/2020 - L'interrogazione è stata presentata dalla consigliera del PD per il prossimo consiglio comunale, sul problema del collocamento degli studenti della scuola Martiri della Libertà.

La sottoscritta Emanuela Marguccio, Consigliera Comunale del Gruppo PD,

PREMESSO CHE

- il cantiere per la ristrutturazione della scuola Martiri della Libertà è ancora fermo, non si hanno notizie in merito alla sua riapertura e ai tempi necessari per la conclusione dei lavori che interessano il plesso, anche se i nuovi poteri conferiti ai Sindaci al fine di garantire la rapida esecuzione di interventi di edilizia scolastica, in piena emergenza sanitaria, dovrebbero permettere di sbloccare il cantiere, o almeno di facilitarne la riapertura;
- l’Amministrazione, scartando senza possibilità di ripensamenti altre possibili sedi e soluzioni, ha continuato a confermare la volontà di voler collocare al Mestica e a Palazzo Carotti le classi della Scuola Martiri della Libertà, lasciando divisa una comunità educante separata da troppo tempo;

CONSIDERATO CHE

- nella sede della Fondazione Colocci (vicolo Angeloni-Corso Matteotti), potrebbero essere presenti gli spazi necessari per ospitare temporaneamente tutte le classi della Scuola Martiri della Libertà che sarebbero in tal caso riunite in un unico edificio;

- alla luce del prolungato stallo dei lavori di ristrutturazione della suddetto plesso scolastico, dell’incertezza dei tempi di un suo riutilizzo, nonché delle ulteriori urgenze determinate
dall’emergenza Covid, la riunificazione della comunità scolastica della scuola Martiti della Libertà rappresenta un obiettivo di primaria importanza;

- il Comune, intestatario dell’immobile, avviando un confronto con la Fondazione Colocci, con la dirigenza scolastica e con i genitori degli alunni della Scuola interessata, potrebbe valutare l’inserimento della Primaria Martiri della Libertà negli spazi dell’ex Ateneo jesino, garantendo il rispetto delle normative sulla sicurezza, assicurando il dovuto trasporto degli alunni e il rispetto delle esigenze didattiche che verranno individuate;

CHIEDE AL SINDACO E ALLA GIUNTA

se è vero che stanno valutando di avviare i confronti ed i provvedimenti necessari al fine del possibile trasferimento temporaneo della Scuola Martiri della Libertà negli spazi ubicati al 1° piano dell’ex Ateneo jesino.
Se è vero che, anche alla luce dei poteri commissariali attribuiti ai Sindaci dal recente decreto, sono possibili eventuali azioni tese ad accelerare i termini utili all’ultimazione dei lavori del cantiere di via Asiago ed in ogni caso se sanno indicare quali siamo le possibili tempistiche relative alla riapertura dei lavori e alla conclusione degli stessi nel plesso sopra indicato.

Jesi, 10 luglio 2020


Per il Partito Democratico
Emanuela Marguccio
(Consigliera Comunale PD)


da Emanuela Marguccio
Consigliere Comunale PD Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-07-2020 alle 17:45 sul giornale del 11 luglio 2020 - 449 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, pd, Emanuela Marguccio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bqlQ





logoEV